Commenta

La Comitiva di VenTo
ringrazia Casalmaggiore
per l'accoglienza

Durante il percorso abbiamo raccolto non solo le paste ripiene del Po, ma anche i volti, i sorrisi, le emozioni, i colori, i paesaggi e il supporto di coloro che abbiamo incontrato e che ci hanno aiutati durante queste 9 intense tappe. Un grazie particolare va a tutti voi
vento-casalma_ev

CASALMAGGIORE – VenTo ringrazia tutti coloro che, sul tragitto da Venezia a Torino, hanno dato la possibilità al team del Politecnico di Milano di valutare percorsi e soprattutto di conoscere gente e potenzialità dei luoghi. Questo il testo della lettera mandata a Chiara Mina per tutti coloro che (Chiara Mina, Gian Carlo Simoni, Alessandro Feudatari, Andrea Visioli tra gli altri, e Fabbricadigitale per la presenza) hanno fatto in modo di far conoscere il territorio e di presentare una delle strutture più interessanti, ricche di storia e di memoria che il Casalasco abbia, l’ex convento cinquecentesco ai più conosciuto come Palazzo Porcelli.

“VENTO Bici Tour 2016 si è concluso domenica scorsa a Torino – scrive il team di VenTo – in occasione del Salone del Gusto, Terra Madre, dove siamo stati accolti dalla Città di Torino e da Slow Food. I risultati raccolti durante il tour sono stati tanti e promettenti, rinnovando la convinzione che le infrastrutture leggere per il cicloturismo possano essere generative in termini di occupazione e indotto e possano rigenerare le aree interne a partire dalla valorizzazione dei tanti patrimoni locali diffusi sul territorio. Durante il percorso abbiamo raccolto non solo le paste ripiene del Po, ma anche i volti, i sorrisi, le emozioni, i colori, i paesaggi e il supporto di coloro che abbiamo incontrato e che ci hanno aiutati durante queste 9 intense tappe. Un grazie particolare va a tutti voi che avete accolto, fatto conoscere e sostenuto VENTO. Buon VENTO e Ricuciamo la bellezza!”.

Il team di VenTo era giunto in città la sera del 20 settembre e Chiara Mina, proprietaria di Palazzo Porcelli, li aveva accolti a dormire nella struttura appartenuta ai suoi avi. “Non serve creare nuove strutture – aveva detto Paolo Pileri della dimora che l’aveva accolto – basterebbe recuperare ed aprire, come in questo caso, Palazzi come questo”. Nella mattinata di mercoledì il team di VenTo aveva partecipato alla conferenza di presentazione del Metrobottega e visionato la Tangenziale dei Bambini. Allo stesso Pileri era stato esposto il problema del piccolo tratto (tre, quattro metri) rimasto in sospeso. Il docente di Milano aveva fatto notare che tutte le tappe presentano un qualche problema da risolvere, problemi ‘dettaglio’ che si sarebbero potuti affrontare e risolvere.

L’amministrazione cittadina non aveva partecipato all’incontro di mercoledì mattina in città mentre aveva deciso di presenziare a Cremona alla tappa nell’ex capoluogo di provincia dei responsabili del progetto. Un progetto che il Governo italiano ha finanziato con 25 milioni (96 milioni in totale sulle quattro grandi ciclovie nazionali in fieri), e che potrebbe portare in ottica locale e a fronte di progetti concreti sulla mobilità dolce importanti ricadute positive sul territorio.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti