Commenta

Don Luigi, tutta Rivarolo
Mantovano al compleanno
del suo parroco

Ciò che è emersa è stata la straordinaria organizzazione che ha visto le donne del paese unite ai tanti giovani che si sono impegnati per la riuscita di un evento di grande successo.
don-luigi-ev

RIVAROLO MANTOVANO – Quattrocento persone invitate all’80° compleanno di don Luigi Carrai, parroco di Rivarolo Mantovano. L’insolita celebrazione ha avuto due momenti distinti, il primo in chiesa con la Messa delle 18 arricchita da una parte vocale e strumentale di livello e poi dall’omelia di un ospite di riguardo quale padre Enzo Bianchi priore di Bose. Poi tutti in Oratorio per un mega buffet cosi ricco ed elegante da sembrare quasi un ricevimento matrimoniale piuttosto che il compleanno di un prete anziano.

Ciò che è emersa è stata la straordinaria organizzazione che ha visto le donne del paese unite ai tanti giovani che si sono impegnati per la riuscita di un evento di grande successo. Una quantità industriale di antipasti, salumi, frittatine,verdure pastellate e poi i risotti in tre versioni, mare,terra e montagna. Tutti portati al tavolo dei commensali da ragazzi educatissimi assieme a bottiglie di lambrusco o prosecco, per chi lo preferiva. Per finire con la grande torta bianca a forma d’altare introdotta a luci spente mentre i bambini con la maglietta bianca su cui spiccava “Auguri don Luigi” cantavano tutti assieme davanti al festeggiato poco incline, per carattere ai festeggiamenti.

Aveva scritto una lettera al grande Priore Enzo Bianchi chiedendogli di non aderire all’invito per la sua festa, che non era il caso di disturbarsi. Confidando poi ad un amico al termine dei festeggiamenti “Non è tutto oro quello che luccica” sentendosi forse non meritevole di tutta quella celebrazione. Che però ha confermato quanto gli sia attaccata la comunità di Rivarolo e dintorni. Non fosse altro perchè riesce a raccogliere attorno a se una certa quantità di bambini per esprimere una preghiera per la pace nel mondo, ogni mattina prima della scuola.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti