Commenta

Ai predoni del Po stavolta
va male: a Boretto "beccati"
dagli uomini di Regni

I ladri, in particolare, stavano cercando di rubare un’imbarcazione con motore Mercury da 40 cavalli. I carabinieri, dopo la segnalazione arrivata da un pensionato di Cadelbosco Sopra, sono intervenuti a Boretto, dove i predoni del Po stavano cercando di allontanarsi sulla barca rubata.
fiume-po-secca-ev

BORETTO/VIADANA – Rapido intervento degli uomini di Luigi Regni, comandante da qualche settimana della stazione dei carabinieri di Guastalla, che hanno operato stavolta al confine con Viadana. I predoni del Po hanno lasciato la barca rubata e sono poi fuggiti con un’altra imbarcazione, con la quale erano giunti in direzione di Viadana.

Gli stessi, in particolare, stavano cercando di rubare un’imbarcazione con motore Mercury da 40 cavalli. I carabinieri, dopo la segnalazione arrivata da un pensionato di Cadelbosco Sopra, sono intervenuti a Boretto, dove i ladri stavano cercando di allontanarsi sulla barca rubata. Ma vistisi scoperti sono stati costretti ad abbandonare il natante, fuggendo a bordo di un’altra barca in loro possesso. Il fatto è accaduto alle 2.30 della notte tra lunedì e martedì e, pur essendosi verificato di poco fuori dal comprensorio Oglio Po, riguarda da vicino anche il nostro territorio, dato che il fenomeno è diffuso lungo tutta l’asta fluviale del Grande Fiume che, come noto, non ha confini politici. Stavolta, per fortuna, è andata male ai ladri.

V. R. 

© Riproduzione riservata
Commenti