Commenta

Pomì, prova di forza
a San Casciano
Semifinale più vicina

pomi-sancascia_ev

Non è il “solito” 3-0, ma è un 3-1 comunque netto che sulla bilancia qualificazione pesa davvero parecchio. La Pomì rivede la semifinale di Coppa Italia, conquistata già nel 2010 e nel 2011, quando la squadra arrivò addirittura in finale, e perduta nel 2012 ai quarti contro un altro team toscano, il Santa Croce passato in Baslenga 3-1. Stavolta si gioca sulla distanza delle due gare, ma questo successo a domicilio pone la Pomì già adesso in una botte di ferro. Una vittoria che evidenzia ancora una volta la grande tecnica di tutte le giocatrici nella rosa di coach Gianfranco Milano. Bacchi, Beier, Repice, Corna sono nomi superiori rispetto a questa categoria e ognuna ha offerto il proprio contributo alla causa. Soprattutto è uscita ancora una volta la dirompente forza fisica della squadra: per metterla sotto San Casciano aveva una sola arma a disposizione, ossia allungare in avvio di set. L’ha fatto nel secondo parziale (7-1 l’eloquente gap iniziale) e ha vinto, per il resto non c’è più stata storia e anche quando l’equilibrio è stato duro da infrangere, a emergere prima di tutto è stato sempre il colore rosa. Perché la Pomì, sotto due volte alla seconda pausa tecnica, quando i palloni iniziano a scottare fa davvero paura e ha una capacità di gestire la tensione che appartiene alle grandi squadre. Bene anche il folletto D’Ambros, di solito un comprimario (ma di spessore), che ha preso per mano le compagne difendendo alla grande nel quarto parziale. Decisivo, infine, l’allungo nel terzo set, quando i due team stavano lottando punto a punto e Heike Beier è emersa con un paio di giocate d’astuzia e un paio di potenza. I quarti di finale di ritorno, che si giocheranno domenica a campi invertiti, appaiono come pura formalità: tutte le squadre stasera impegnate in trasferta, infatti, hanno vinto largamente (3-1 Novara a Sala Consilina, 3-1 Frosinone a Soverato, addirittura 3-0 Ornavasso a Mazzano). Nello specifico alla Pomì basterà vincere due soli set domenica al PalaFarina per avere la meglio del Bisonte San Casciano. Attenzione però a non ripetere la brutta esperienza della prima di campionato, quando le toscane sorpresero un po’ tutti, espugnando il parquet di Viadana per 3-1. Un risultato di questo tipo porterebbe al golden set. Un’eventualità da evitare. Anche perché questa è tutta un’altra Pomì.

 

Di seguito rivivi il live della vittoria di San Casciano.

Pomì subito avanti nel primo set: 6-11 per le rosa in casa del Bisonte San Casciano.

Alla seconda pausa tecnica del primo set le casalesi sono sempre in vantaggio, anche se solo di tre punti: 13-16.

Allungo confortante del sestetto di coach Milano: ora siamo 14-20 per la Pomì.

La rosa mantengono il vantaggio e conquistano il primo set: 18-25 e 0-1 POMI’ nel computo set.

Intanto negli altri quarti di finale, Novara stravince il primo set contro Sala Consilina (25-14), Frosinone si impone 25-15 in casa del Soverato, mentre Ornavasso soffre ma per il momento è avanti a Mazzano (25-22).

Secondo set tutto diverso: la Pomì sbaglia troppo in ricezione e non riesce ad attaccare. Emblematico l’errore di Bacchi in bagher. San Casciano avanti 6-1 e Milano chiama time-out.

Beier e Corna a muro riportano sotto la Pomì, ma alla prima pausa tecnica è 8-3 San Casciano.

Ora la Pomì è tornata a difendere: 11-8 per San Casciano ma buon break casalese.

Niente da fare: San Casciano torna in quota e alla seconda pausa tecnica conduce 16-8. Si fa dura, almeno per questo parziale.

La Pomì sta lottando su tutti i palloni, anche se è molto indietro: 22-15 San Casciano.

Tutto da rifare per la Pomì: San Casciano vince 25-16 e torna in gara. COMPUTO SET 1-1

Novara e Ornavasso nel frattempo conducono 2-0 rispettivamente sul campo di Sala Consilina e di Mazzano. Soverato invece raggiunge Frosinone sull’1-1.

Terzo set al via. Dopo un avvio punto a punto mini-break locale: 6-3 San Casciano.

Alla prima pausa tecnica San Casciano avanti di misura 8-6. Set aperto.

Adesso ogni pallone scotta davvero: Pomì al sorpasso 10-11.

Alla seconda pausa tecnica è 15-16 Pomì, ma le rosa hanno mancato un paio di opportunità ghiotte per piazzare il break. San Casciano al top in difesa.

Magia di Beier sotto rete, poi Bacchi di potenza: 19-19. Che parziale!

Momento topico: pallonetto Bacchi, poi due lungolinea di Beier. Pomì avanti 20-22.

Beier murata, poteva segnare l’allungo decisivo. Ma San Casciano sembra in crisi in ricezione: 22-23 Pomì.

Beier, ancora lei. La Pomì si prende il set: 23-25. Un parziale che potrebbe pesare tantissimo sulla bilancia qualificazione. 1-2 POMI’ il computo set.

Altri campi: Sala Consilina accorcia con Novara (1-2), Frosinone torna avanti a Soverato (1-2), Ornavasso chiude (3-0) a Mazzano ed ha più di un piede in semifinale.

Bacchi e Zago sugli scudi nel quarto set, ma il Bisonte non si arrende: 8-6 San Casciano alla prima pausa tecnica.

Si va verso un altro set molto equilibrato. Bene Guatelli. 16-14 San Casciano alla seconda pausa tecnica.

Grande difesa del libero D’Ambros. Siamo di nuovo pari: 17-17.

Intanto Novara e Frosinone passano 3-1 in casa di Sala Consilina e Soverato. Speriamo che stasera si verifichi un en plein di successi esterni…

Repice pesca un muro fuori, poi attacca male San Casciano. Pomì avanti 18-20. E’ il momento chiave del set. Time out locale.

Ace Repice, non ne ha più San Casciano: Pomì a +4, 19-23, poi 19-24 con Bacchi. Cinque match point!

Forza la battuta San Casciano e sbaglia: 20-25, la Pomì ipoteca la semifinale! 1-3 FINALE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti