Commenta

Viadana, proposta di
Tipaldi: “Aiuti sì, ma
in cambio di lavori utili”

municipio_tipaldi_ev

Per ora è solo un progetto che dovrà passare dal Consiglio Comunale per la relativa approvazione ma certamente l’idea è da prendere in seria considerazione. Si tratta di un’iniziativa scaturita dalle considerazioni dell’assessore alle “nuove povertà”  del Comune di Viadana Carmine Tipaldi.

“Perchè continuare a dare soldi a chi li viene a chiedere in Comune senza niente in cambio?” si è chiesto Tipaldi che subito ha pensato ad una specie di scambio da stabilire tra chi si trova in difficoltà e l’Amministrazione Comunale.  In sostanza si potrà aprire un settore riservato ai disoccupati impiegandoli nei cosiddetti “lavori socialmente utili” come ad esempio pulire le strade , svuotare i cestini, tagliare l’erba, innaffiare le piante e i giardini, fino ad occuparsi della manutenzione dei cimiteri a supporto della manodopera già esistente.

L’assessore Tipaldi preferisce non anticipare niente perché giustamente ritiene che debba essere il Consiglio Comunale ad esaminare la sua idea e approvarla con relativo regolamento. Certamente il progetto è di grande interesse anche perché andrebbe ad alleggerire dal punto di vista morale e psicologico la posizione di chi ha bisogno di chiedere aiuti economici in Comune. Un sicuro sostegno alla dignità di chi si trova in difficoltà e che non andrebbe a chiedere aiuto per pagare le bollette di casa “gratis et amore dei” ma offrendo piuttosto la propria disponibilità per lavori socialmente utili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti