Commenta

La Basilica di San
Benedetto Po: il restauro
spiegato agli studenti

bolsi-sanbenedetto_ev

Il complesso monastico Polironiano di San Benedetto Po è il tema affrontato dal conservatore dell’omonimo complesso, architetto Giancarlo Pavesi, e proposto alla classe IV Liceo Classico del polo scolastico “Romani” guidata al professor Franco Bolsi nella mattinata odierna.

Nella sala di musica della biblioteca civica “Anton Enrico Mortara” di Casalmaggiore l’iniziativa patrocinata dall’amministrazione comunale di Casalmaggiore, ha ricordato indirettamente il terremoto del 29 maggio 2012. L’evento sismico ha infatti danneggiato seriamente la Basilica del millenario cenobio, tanto caro a Matilde di Canossa, evidenziando la fragilità di un patrimonio artistico tanto prezioso e antico: un evento che certamente può risultare gradito ai liceali che studiano la storia dell’arte da alcuni anni e che mira a motivarli a una riflessione critica di valenza interdisciplinare (storia medievale e moderna si intrecciano infatti con quella della poesia nell’opera del monaco Teofilo Folengo).

La Basilica dell’importante complesso monastico – fondamentale nella sistemazione idrografica della riva destra del fiume Po – presenta importanti testimonianze gotiche e rinascimentali e prospetta sull’ampia piazza, un tempo cortile del cenobio: dunque una linea interpretativa utilissima per far comprendere agli studenti la ricchezza di un patrimonio artistico vicino nello spazio e sovente lontano dal nostro immaginario.

Giancarlo Pavesi è architetto, laureato al Politecnico di Milano, pittore di paesaggi di golena dalle luci soffuse e poeta di un passato padano remoto e felice, nonché protagonista di mostre ed eventi letterari in sinergia con l’associazione culturale “Fiorita di Stelle” (“Padana”, “D’acqua e di terra”, “Lunario di pianura”), tenuti nella splendida cornice di San Pietro di Gazzuolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti