Commenta

Viadana, Pd: dai non
dimissionari un passo
verso la condivisione

viada-zanazzi_ev

I membri non dimissionari del coordinamento Pd di Viadana “vogliono affermare con forza che si riconoscono negli ideali e nell’azione del Partito”. Ideali codificati “nello Statuto e nel Codice etico, che all’art. 2.4 impegna le donne e gli uomini aderenti a sostenere “un modello di comunicazione basato sull’ascolto, sul dialogo, sulla chiarezza d’espressione” ed a “condurre il confronto con volontà d’intesa, ricercando cioè una reale interlocuzione”.

Questa il contenuto del comunicato firmato da Dino Bellini e Paolo Zanazzi, che insieme gli altri membri non dimissionari rifiutano “ogni logica di attacco personale e di resa dei conti”, ritenendo “che ogni azione rivolta all’esclusione o emarginazione di una parte importante del Partito, soprattutto per difformità di opinioni su tematiche amministrative, sia negativa e contraria ai principi che sono alla base della nostra comune militanza politica”.

In attesa del pronunciamento della Commissione di Garanzia Regionale, gli stessi membri non dimissionari “riconoscono l’indicazione della Commissione di garanzia provinciale di attivare un percorso condiviso fra tutti gli appartenenti al Partito per la indizione di un nuovo Congresso locale , possibilmente in concomitanza con quello provinciale, che abbia come scopo il confronto politico sulle tematiche locali, provinciali e nazionali, e la definizione di un nuovo Comitato di Coordinamento rinnovato e rappresentativo di tutte le “sensibilità” del Partito, nel tentativo estremo di ricomporre questa devastante divisione, perseguita dai dimissionari con ostinazione, con atteggiamenti e comportamenti dai toni inaccettabili”.

“I membri non dimissionari del coordinamento Pd di Viadana – conclude il comunicato -, dichiarano la propria disponibilità a partecipare a tutte le iniziative del Partito, comprese assemblee, incontri, e quant’altro, purché si concordino tempi, modi, argomenti e vi sia la presenza di rappresentanti di livelli superiori aventi la funzione di garanzia super-partes”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti