Commenta

Rugby Viadana, ko
senza conseguenze:
testa già ai playoff

rugby-viadana-lazio-ev

Nella foto (Fama), Giorgio Bronzini in azione sabato a Roma

Si chiude con una sconfitta capitolina maturata nel finale contro la Mantovani Lazio la stagione regolare dei gialloneri, al termine di una gara all’insegna dell’equilibrio e con collisioni molto energiche nei punti d’incontro.

Gara che stenta a decollare e la prima opportunità per cambiare il risultato capita sul piede sinistro di Rubini; l’estremo laziale , però, al 10′ non centra i pali. I padroni di casa continuano a premere, ma i primi punti arrivano solo a metà tempo, cioè al secondo tentativo dalla piazzola del trequarti bianco azzurro. A questo punto Viadana alza la testa e prova a ribaltare la situazione portando grande pressione e spostando il gioco nella metà campo capitolina. La Lazio organizza bene la difesa e sventa un paio di pericoli, ma nulla può sulla meta di Monfrino con lo splendido riciclo completato con Bronzini ed il terza linea bravo a varcare di forza l’ultima difesa. La prima frazione di gioco si chiude con il contro-sorpasso ad opera dei padroni di casa ancora al piede con Rubini. Il secondo tempo parte con un Viadana arrembante che schiaccia gli avversari nei propri “22” e ritorna in vantaggio grazie alla pedata di Fenner dalla distanza. Il buon momento dei gialloneri si completa con la marcatura di Barbieri bravo a trovare lo spazio al di sopra di un raggruppamento e schiacciare in area di meta. La Lazio è ferita, ma riesce a raccogliere tutte le energie per tentare la rimonta che si concretizza grazie ai calci di Rubini ed alla meta segnata a tempo ormai scaduto. Nell’occasione i gialloneri erano in inferiorità numerica per il cartellino giallo (molto severo) rifilato ad Albano. Da domani l’unico pensiero sarà rivolto alla doppia semifinale con il Marchiol Mogliano.

Rowland Phillips: “Sono molto dispiaciuto per la sconfitta odierna, ma è evidente che vadano fatti complimenti alla Lazio per come ha saputo conquistare all’ultimo minuto la posta in palio. Qualche cambio di formazione era dettato dal fatto che i ventitré atleti scelti per questo match, mi garantivano il giusto potenziale per vincere la partita. Abbiamo iniziato in modo un po’ contratto e, di conseguenza, nel primo tempo la nostra prestazione non è stata ottimale. Nei secondi quaranta minuti le cose sono cambiate con i ragazzi che hanno proposto un buon rugby. Al termine del match, però, la Lazio è stata molto incisiva ed ha avuto il grande merito di non mollare fino alla fine. L’unica certezza è che abbiamo ancora molto lavoro da fare in vista delle semifinali”.

Alessandro Soragna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti