Commenta

Picablo per le scuole
A teatro uno show
di luci e colori

picablo7_ev

Nella fotogallery Mangoni alcune immagini dello spettacolo

E’ andato in scena lunedì mattina alle ore 10 lo spettacolo di Tam TeatroMusica, ideato da Michele Sambin, scritto da Pierangela Allegro, con Flavia Bussolotto e Alessandro Martinello. “Picablo”, questo il titolo della rappresentazione, era dedicato alle scuole.

Pablo Diego Josè Francisco Juan Maria Cipriano Clito Patricio sono solo alcuni dei tanti nomi di Picasso. Sono stati considerati l’indizio di una personalità sfaccettata e multiforme della quale sono stati ricercati i motivi ricorrenti e le invenzioni straordinarie: da qui l’idea di mettere in scena i quadri del grande artista spagnolo. Nella sterminata produzione di Picasso sono così stati  individuati temi e a questi sono stati assegnati ritmi diversi a seconda dei quadri: la giovinezza fa riferimento alla ballerina con palla e arlecchino, la leggerezza e l’ironia si associano invece alle colombe che scherzano con un buffo prestigiatore, l’amore è legato al pittore e le modelle, la lotta tra istinto e ragione s’associa alla corrida, mentre il passaggio dal buio alla luce si collega a Guernica e la colomba della pace, infine la gioia, che significa dipingere insieme un quadro di luce colorata.

Nello spettacolo all’inizio Picasso è anziano e osserva il mondo dal suo studio. Lentamente andrà indietro nel tempo fino a tornare bambino… È nello studio del pittore che tutto ha inizio, è lì che i quadri prendono vita, vengono interpretati abitati e trasformati. È nello studio che avvengono scoperte e rivelazioni che portano lo spettatore fuori in spazi aperti in compagnia di saltimbanchi e tori, ballerine, colombe, arlecchini e toreri… Giocano tra loro i due protagonisti nello studio del pittore, che manipolano, ricompongono, reinterpretano, danno vita scenica ai tanti quadri dipinti da Picasso.

Uno spettacolo formativo molto apprezzato  dai ragazzi delle scuole di Casalmaggiore, che sono state invitate al workshop e hanno potuto godere, imparando l’arte, di un grande show di luci, ombre e pittura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti