Commenta

Andos Oglio Po,
festa per le “eroine
del nostro tempo”

ventennale-andos-ev

Nella fotogallery, la festa per il ventennale dell’Andos Oglio Po al teatro all’Antica di Sabbioneta

Vent’anni e non sentirli. Vent’anni e pensare già ai prossimi compleanni. “Qualcuno mi dice che è già stato prenotato il teatro per il trentennale”: ha scherzato Semiramide Federici, decana delle volontarie del gruppo Andos Oglio Po che domenica ha festeggiato il suo ventesimo anniversario.

Nell’aprile del 1993 fu Viadana a creare il primo comitato del comprensorio Oglio Po dell’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno. Una sezione che coinvolse poi Casalmaggiore, quindi Desenzano del Garda, dove gravita ora il dottor Claudio Pagliari, consigliere dell’Andos nazionale e moderatore (oltreché animatore) della festa tenutasi al teatro all’Antica di Sabbioneta, stesso palco su cui vennero celebrati, il 13 aprile del 2003, i primi dieci anni del comitato Oglio Po.

Dopo l’inno, composto dai volontari della sezione di Desenzano del Garda Umberto Micheli e Maria Santa Ragazzini, e dopo l’introduzione in rima del giullare del Gruppo Storico Borgo San Rocco di Rivarolo Mantovano, che ha poi proposto balli e musiche, a far da cerimoniere è stata la volontaria Anna Sarzi Sartori, che ha ripercorso brevemente le tappe più importanti dei vent’anni del comitato.

Come lei, a ribadire l’importanza del volontariato e della raccolta fondi che ha come obiettivo principe l’acquisto della sofisticata attrezzatura Iort, sono intervenuti i sindaci Marco Aroldi, di Sabbioneta, e Claudio Silla, di Casalmaggiore.

“E’ un grande onore accogliere ospiti illustri che dedicano la loro vita per curare una patologia di forte impatto come il tumore alla mammella”: ha esordito Aroldi. “Scienza e cultura – ha proseguito poi il sindaco, riferendosi alle competenze dei presenti -, da queste basi l’Italia deve trovare la forza per risorgere”.

“I volontari sono gli eroi del nostro tempo”, ha chiosato il primo cittadino di Sabbioneta. A fargli da eco le parole di Silla: “Senza volontari, nulla di tutto questo è possibile. Tanto rispetto per il vostro esempio di umanità. In un paese avanzato come il nostro, dove non arriva il servizio sanitario arriva il volontariato”.

La parola è passata quindi al moderatore, il dottor Pagliari, che ha salutato e ringraziato “le mie volontarie” (testuale) prima di introdurre “il cuore dell’Andos”, la presidente nazionale Flori Degrassi, che ha riavvolto il nastro sino 1976, quando a Trieste veniva creata l’associazione.

“L’Andos è cresciuto insieme all’evoluzione medica. Il nostro impegno è di assistere le donne soprattutto nella riabilitazione psicologica: una mastectomia è un intervento che profana la donna”: ha spiegato Degrassi, toccando poi i temi dello screening (ancora scarso al sud), dell’importanza del fare comunità, della riabilitazione sociale, della sensibilizzazione e della partecipazione al tavolo del Ministero della Salute sulla rete nazionale senologica.

“Siamo tanti rami di una stessa pianta – ha precisato poi Fulvia Pedani, coordinatrice nazionale -. E’ importante avere una voce unitaria”.

A seguire, la segretaria dell’Andos Oglio Po Patrizia Stagnari ha illustrato il bilancio consuntivo del 2012 (chiuso con un attivo di quasi 50mila euro) e informato sul bilancio preventivo del 2013: entrambi approvati dall’assemblea.

Sul palco sono salite quindi le volontarie attive da anni nel territorio, premiate una ad una: Bruna Anversa, Marisa Luisa di Isola Fumagalli, Piera Lanzoni, Maria Linda Magnani, Doriana Paroni, Donatella Petazzini, Armanda Pinazzi, Ernestina Rasoli, Roberta Raiola, Maria Santa Ragazzini, Azzurra Rossi (che festeggiava anche l’anniversario di matrimonio con Lino Germani, anch’egli volontario Andos, unico uomo premiato), Pierangela Sarzi Amadè, Anna Sarzi Sartori, Carmen Savi, Patrizia Stagnari, Carla Ventura e le decane Angela Feroldi e Semiramide Federici, a cui è spettata la chiusura col richiamo alla “solidarietà fra donne”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti