Commenta

Viadana, strade gruviera:
“Ripristino? Previsto
nel bilancio 2013″

viada-strade-ev

La manutenzione stradale è un tema caldo a Viadana e non solo. Un problema che si acuisce in alcune zone, come quella di Fenilrosso, da cui si è alzata la protesta di Roberto Zanichelli che minaccia di adire alle vie legali nei confronti del comune. Così ribatte l’amministrazione comunale viadanese: “Mi sembra doveroso – spiega l’assessore alla Viabilità Adriano Saccani, in accordo col sindaco Giorgio Penazzi ed il vice sindaco Dario Anzola – ritornare sul problema evidenziato dal signor Roberto Zanichelli che, da tempo, lamenta il grave stato di usura del manto stradale di Via dei Tigli (zona industriale Fenilrosso) per precisare, una volta per tutte e in modo che i cittadini siano dovutamente informati, che il problema era già noto all’amministrazione e che è già stato affrontato reperendo le risorse necessarie alle opere di manutenzione straordinaria”.

“In verità – prosegue il comunicato a triplice firma – la via dei Tigli e la rotatoria di Piazzale Delle Rose sono già state inserite nel programma 2013 di ripristino delle strade più bisognose di interventi attendendo solo il bilancio previsionale 2013 che dovrà essere approvato categoricamente entro il 30 giugno p.v., per ottenere la legittimazione della spesa. Passi burocratici essenziali, adempimenti contabili indispensabili da rispettare anche se, a Roberto Zanichelli, questo poco importa”.

“Non è certamente imputabile agli amministratori di Viadana la colpa del ritardo dell’approvazione del bilancio 2013; insieme a Viadana c’è la quasi totalità dei comuni italiani che, a tutt’oggi non hanno ancora avuto le comunicazioni della Ragioneria Centrale dello Stato e la quantificazione delle entrate loro attribuite mentre il bilancio 2013 deve essere approvato indefettibilmente entro il 30 giugno p.v. Al comune di Viadana è stato riservato un taglio dei trasferimenti dello stato, a titolo spending review, di circa € 600 mila che comporterà conseguenti riduzioni delle spese comunali (anche e soprattutto a quelle di manutenzione) e un leggero aumento della pressione fiscale. Anche taluni dei nostri bravi imprenditori viadanesi, purtroppo, hanno dovuto subire le conseguenze della grave crisi economica che sta coinvolgendo tutta l’Italia come anche il nostro comune. Alcune aziende hanno fatto ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni a causa del crollo del fatturato e degli utili ed anche nelle migliori situazioni, rinunce e risparmi si sono manifestati nella loro gravità”.

“Come amministratori – prosegue la nota – anche noi abbiamo ragionato così come nella gran parte delle famiglie viadanesi: tirando la cinghia e anteponendo spese indispensabili a quelle discrezionali, a volte rinviando a tempi migliori gli interventi di manutenzione. Tutti e quindi non solo Roberto Zanichelli, hanno notato le numerose buche sulle strade spesso rabberciate al meglio, tutti hanno notato l’erba alta che, in parte, non è stata ancora sfalciata”.

“Chiediamo ai cittadini – chiosa il comunicato firmato da Saccani, Anzola e Penazzi – di capire il messaggio accorato che come amministratori abbiamo loro inviato ben consci che non esiste solo via dei Tigli e Piazzale delle Rose dove opera il buon Roberto Zanichelli, bensì qui a Viadana ci sono 180 km di rete stradale che anch’essa ha diritto alla manutenzione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti