Un commento

Spaccata all’Eurospin
e fuga da film, col furto
d’un camion di uova

eurospin-ev

Nella foto, l’Eurospin di Casalmaggiore con la porta spaccata coperta dal cartone

Mezzanotte movimentata a Vicomoscano, frazione di Casalmaggiore, dove è andato in scena un inseguimento guardie e ladri degno di un film dei Manetti bros.

Tutto comincia, appunto, appena dopo la mezzanotte: a bordo di un furgoncino alcuni malintenzionato tentano la spaccata all’Eurospin di Casalmaggiore, zona centro commerciale, e riescono in parte a sfondare la vetrina. Il colpo, tuttavia, non riesce: non solo perché in quel momento parte ovviamente l’allarme, ma soprattutto perché mentre la spaccata viene tentata, passa da quelle parti una pattuglia dei carabinieri. Pronta la fuga dei ladri, pronto l’inseguimento dei militari: uno zig zag impazzito tra i campi della strada bassa di Vicomoscano, in zona depuratore, dove il furgoncino viene abbandonato e dove la corsa a perdifiato prosegue a piedi.

La notte e le colture alte fanno il resto, aiutando i ladri a dileguarsi: i malintenzionati (non si conosce il numero dei partecipanti al tentato colpo) sbucano a Vicomoscano in località Staffolo.

Qui la ricostruzione ha una piccola lacuna: si sa per certo che un cancello di un’abitazione è stato forzato e aperto, ma probabilmente, stando alla testimonianza del proprietario della casa, la luce accesa ha fatto sì che i ladri desistessero dall’intento.

Poi, un chilometro dopo, viene trovata una bicicletta bianca, che è di proprietà proprio di uno dei residenti della casa sopra citata. I ladri, dunque, non volevano rubare, ma cercavano un mezzo per fuggire. Mezzo che, per inciso, ottengono pochi metri più avanti, dove va in scena la terza e ultima puntata della fuga: presso la cascina Assandri, nella zona delle case autocostruite di via Staffolo, sparisce infatti un camioncino dell’azienda Eurovo, utilizzato per il trasporto delle uova di gallina.

I ladri spaccano la finestra della cascina, rovistano per un po’ (la signora anziana che lì vive non si accorge di nulla) e, trovate le chiavi del camioncino, fuggono. Il camion, per inciso, è pieno di uova. E questo rimane l’unico bottino del furto: uova, appunto. In attesa che le indagini facciano il loro corso e il camioncino dell’Eurovo venga ritrovato. Il marchio ben visibile su uno dei lati del mezzo dovrebbe aiutare i carabinieri nelle ricerche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • antonella

    una volta era una zona più tranquilla, io, a parte l’indignazione, ho paura sempre di più :(