Commenta

Padre Borghesi
è il nuovo casalasco
nel mondo

padreBorghesi-ev

Nella foto, le due immagini inviate da Padre Borghesi dal Brasile per il sito

E’ padre Giuseppe Borghesi il “casalasco nel mondo” numero 28. Il sito sta diventando rapidamente luogo di incontro virtuale tra chi dal casalasco si è spostato in altri paesi.

La storia di padre Borghesi, nato a Longardore di Sospiro ma originario di Scandolara Ravara, è nota in zona. L’ultima visita italiana risale allo scorso inverno, quando il fratello di Luigi (primario all’Oglio Po e vice sindaco di Casalmaggiore) e Antonio (ex sindaco di Scandolara Ravara) ha tenuto una relazione al Rotary Club Casalmaggiore Oglio Po, ed inoltre è stato protagonista, con don Arnaldo Peternazzi parroco di San Martino del Lago, di un incontro pubblico presso la Biblioteca Mortara.

Come afferma padre Borghesi nel suo resoconto pubblicato sul sito “casalaschinelmondo.it”, partì “dalla nostra bella terra nel mese di agosto 1970. Sono un missionario Saveriano delle Missioni Estere di Parma. Ho fatto 8 anni in Scozia e 1 anno in Irlanda del Sud. Nel 1979 sono venuto qui in Brasile (Amazzonia), dove mi trovo ancora oggi dopo aver cambiato 3 o 4 volte località: 14 anni nelle Isole di Abaetetuba, 3 anni a Belém, che è la città capitale del Parà, 12 anni nella parrocchia di Tucumã – Alto Xingu – e adesso qui a São Felix do Xingu da 5 anni. Ho 71 anni compiuti e penso di rimanere qui fino alla fine, missionario di questa regione così abbandonata e piena di problemi”.

Padre Borghesi continua: “La mia parrocchia è di estensione geografica notevole: 350 km in lunghezza e 200 km in larghezza. Siamo in 2 missionari, uno spagnolo (Padre Xavier)  ed io. Ci diamo da fare ma vediamo come è difficile raggiungere le 58 comunità cristiane sparse in questa regione. Il nostro vescovo abita a 1000 km da qui, ad Altamira: è Austriaco e si chiama Erwin Krautler”. Questi è noto per la sua difesa degli indigeni, che gli valse il Right Livelihood Award, e la sua battaglia contro la diga di Belo Monte.

Vanni Raineri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti