Commenta

Festival d’incanto
nel giardino Sartori
Torrione come sfondo

torrione-Ev

Straordinario appuntamento quello che il Casalmaggiore International Music Festival ha proposto domenica sera nel cortile di Patrizio Sartori. Una scenografia che da sola bastava a garantire allo spettacolo un’atmosfera magica e sognante. Tra alberi di faggio, cardi, soffici manti erbosi e cespugli di ortensie, la famiglia Sartori ha creato angoli d’intensa suggestione con la collocazione di torce e luci soffuse e divanetti collocati sotto candidi e romantici gazebo con lo sfondo del Torrione estense.

Più di trecento persone hanno intuito che si trattava di una serata speciale dove il concerto dei giovani strumentisti stranieri   avrebbe trovato una collocazione tra le più belle di tutto il calendario festivaliero. E l’ambientazione ha certamente favorito l’ascolto di una musica non semplice da seguire anche se il talento e il virtuosimo di questi allievi giovanissimi prodigi della musica da camera balzano evidenti anche all’udito dei meno intenditori.

Ha iniziato una quasi adoloscente Elizaveta Fedyukova, suonando il violino con un costume bellissimo, come fosse uscita dalla “Primavera del Botticelli”. Seguita da Irina Borissova e Yena Lee, Agens Langer e Will Chen: dopodichè si è esibito il sestetto composto da Lucia Hall, Hung Lin Liu (violini), Karin Wolf e Daisy Spiers (viole) e Jo Cole, Tae Jyung Choi ai violoncelli suonando l’opera 18 in Si bemolle maggiore di J. Brahms, mentre il finale ha visto l’esibizione di Pyunghawa Choi e Chieh Huang ai violini, Daisy  Spiers alla viola, Ji Yeon Lee al violoncello e Hans Kunstovny al contrabbasso alle prese col quintetto op.77 di A. Dvoràk. Serata storica sotto tutti i punti di vista che ha fatto rientrare la vecchia polemica secondo la quale a Casalmaggiore non si organizza mai niente di bello. L’ideale sarebbe, se mezzi e forze lo consentissero, non concentrare tutto in soli 20 giorni lasciando poi il vuoto per tutto il resto dell’anno.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti