Commenta

I medici dell’Oglio Po
sul territorio: informare
per prevenire

somenzi-borghesi-tascarella-ev

Nella foto, da sinistra: Somenzi, Borghesi e Tascarella

L’Ospedale Oglio Po ha delle eccellenze che devono essere garantite, è un presidio strategico in quanto l’unico per acuti del nostro territorio e non dev’essere toccato dal ridisegno dell’apparato sanitario pubblico in corso in Regione a Milano: da questa premessa formulata dal vicesindaco Luigi Borghesi è partito l’ennesimo appello dell’amministrazione comunale casalese verso il Pirellone, verso l’assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani, con lo scopo di tenere alta l’attenzione sul nosocomio di Vicomoscano, salvaguardandone il futuro.

“Il riordino della sanità lombarda ha vissuto due momenti cruciale questa settimana”: ha spiegato Borghesi. “Il primo lunedì, il secondo giovedì. Per ora a Milano sono giunti solo progetti, per altro non condivisi dall’intero consiglio regionale. Da parte nostra teniamo a ribadire l’importanza dell’ospedale Oglio Po e chiediamo all’assessore alla Sanità di ascoltare anche le realtà territoriali. Cosa che proprio Mantovani ha più volte annunciato. E’ importante avviare un costante processo di consultazione continua con il territorio”. Nello specifico, quello del comprensorio Oglio-Po, il cui presidio “ha tutto per far fronte alle emergenze”, oltre ad avere da poco avviato un’organizzazione per intensità di cura “apprezzata in Regione e che può essere presa e utilizzata in altri contesti”.

A testimonianza dell’attenzione rivolta dall’amministrazione comunale all’ospedale Oglio Po e da quella mostrata dai medici del presidio verso il territorio, è stato presentato in sala giunta nel municipio casalese un progetto che vedrà impegnata l’equipe medica dell’unità operativa di Chirurgia Generale dell’Oglio Po in incontri in vari comuni. L’obiettivo è approfondire e sensibilizzare giovani e meno giovani su temi sanitari, richiamando l’attenzione della popolazione verso patologie che hanno un elevato impatto sociale e verso le quali è possibile fare prevenzione. Il primo passo casalasco, dopo l’avvio viadanese, verrà mosso al Polo Romani, sabato 5 ottobre. Tema dell’incontro in aula magna che riguarderà le classi quarte e quinte, saranno i danni del fumo di sigaretta.

“Via il fumo dagli occhi” è il titolo dell’iniziativa che vedrà relazionare il primario di Chirurgia Generale e Toracica Ernesto Laterza, insieme al chirurgo Dario Somenzi, che spiega: “Abbiamo condiviso l’utilità di svolgere una tale azione di sensibilizzazione sui giovani all’interno delle scuole perché è proprio lì purtroppo che per molti vi è il primo contatto col problema”.

Oltre al fumo, nelle successive iniziative verranno toccati temi come il tumore al seno, il cancro al colon, l’obesità, le malattie venose. Campagne di informazione che coinvolgeranno cittadini ed istituzioni. “L’importanza delle iniziative dell’ospedale Oglio Po – ha puntualizzato il presidente del consiglio comunale Calogero Tascarella – è che non restano nel chiuso del presidio, ma vanno oltre, vanno sul territorio. C’è una stretta collaborazione fra amministrazione comunale e chi lavora per il nostro ospedale”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti