Commenta

Calcio, altro derby
stavolta a Rivarolo
Ecco il programma

calcio_ev

La Casalese chiamata al primo vero match salvezza, il derby di Rivarolo in Seconda, ma anche un match tra cugini a Pomponesco in Prima. Questi, assieme a tanti altri, i temi principali della domenica di calcio del comprensorio Oglio Po.

Come sempre partiamo dalla Promozione Emiliana: la Casalese ospita la Povigliese e per la prima volta in stagione può dire di partire favorita. Un bene o un male per i boys di Agazzi? Sarà il campo a dirlo, certo è che per una squadra in crescita e finalmente sbloccata anche davanti (domenica scorsa primo gol, firmato Manghi), il match interno contro i reggiani non appare proibitivo. A Poviglio se la passano maluccio: sono ultimi in classifica a zero punti e, pur avendo segnato 3 gol, “vantano” la peggior difesa con 14 reti incassate. L’attacco maggiorino riuscirà finalmente a divertirsi?

Sempre in Emilia ma in Prima categoria, la trasferta che tocca al Viadana è una riproposizione dell’eterna sfida Davide contro Golia: i canarini sono infatti ospiti del Campagnola, formazione che in due giornate ha colto 6 punti, ha segnato 6 gol e non ha ancora subito. Il Viadana arriva dall’1-5 interno incassato dal Luzzara: facile comprendere come il morale sia davvero agli antipodi, ma Boni ha già abituato a imprese inaspettate nel suo passato da mister e chissà che la trasferta modenese non faccia eccezione. Certo è che il Campagnola è squadra costruita con elementi di Promozione ed Eccellenza, per stravincere il campionato.

Prima Lombardia: a Pomponesco i blues ospitano la Don Bosco di Marcaria, che ha appena incassato un ko interno del Psg. Proprio il team di Mantovani e quello di Maglia, nostri scudieri Oglio Po, si scambiano in questo inizio campionato le avversarie: il Pomponesco parte coi favori del pronostico, ma in passato la Don Bosco è stata bestia nera dei blues, dunque occorre fare attenzione. Chi non ricorda quella finale playoff vinta proprio dai ragazzi di Marcaria, che con quel successo salirono in Prima, con un anno di anticipo rispetto al Pomponesco? Nello stesso girone il Psg deve dare credito ai primi 3 punti appena conquistati e dovrà farlo contro il Pescarolo, team difficile da decifrare: è primo a 7 punti, proprio con il Pomponesco, ma è una neopromossa. A quale delle due etichette bisogna credere? Il Psg potrà chiarirlo, per un match stimolante, duro ma non impossibile. L’anno scorso a San Giovanni, in Seconda categoria (parliamo di derby fra neopromosse) finì 4-0 per i blaugrana. Che sia di buon auspicio…

Scendiamo in Seconda categoria: nel mantovano occasione d’oro per Dosolo e San Matteo, che nel derby non sono riusciti a superarsi. I biancorossi vanno a Villimpenta su un campo storicamente non facilissimo, ma nel quale hanno già colto successi anche larghi. La superiorità del Dosolo, che recupera Panzani e Nebbioli e perde Garimberti, è netta sulla carta, ma andrà evidenziata anche in campo, per non perdere ulteriore terreno dal Sermide, primo a +2. Il San Matteo invece torna in casa (a Cizzolo) e sfida la Serenissima: neopromossa, la squadra che ha sede a Roncoferraro ha acquisito elementi importanti sul mercato, ma evidentemente non ha ancora trovato l’amalgama giusta. Ha un punto in classifica, dunque vincere per il San Matteo significherebbe brindare al primo successo dell’anno e staccare una diretta concorrente.

Come detto, nel girone cremonese va in scena il derby RivaroloMartelli, due team peraltro in forma: il Rivarolo, primo a punteggio pieno, ha segnato quattro gol nell’ultima trasferta ad Acquanegra, la Martelli, che ha 4 punti, è reduce dalla cinquina rifilata alla Marini. Sulla carta la formazione di Stanga è favorita dopo una partenza sprint, ma il calcio ha insegnato che spesso gli esiti di un derby sono difficilmente prevedibili. Peraltro se c’è un team che può mettere in crisi la capolista mantovana, è proprio quello giallorosso, stimolato dalla grinta di mister Terrera e dalla qualità di Omodei e Storti. Nello stesso girone il Gussola ospita l’Acquanegra, ampiamente alla portata delle qualità dei boys di Cappelli, che devono riscattarsi dopo il ko di Pieve San Giacomo: vincere significa fare un bel balzo avanti, addirittura in zona playoff, pareggiare sarebbe un passo indietro, perdere una iattura. Meglio non fare calcoli insomma.

Chiude la Cannetese che dopo il turno di riposo di domenica scorsa, torna in campo, ancora in trasferta, a Malavicina: sfida del riscatto per Pandolfo e il suo undici, dopo il ko della prima giornata a Bagnolo San Vito, contro quel Real Bagnolo al momento capolista. A Malavicina è sfida decisamente più alla portata: sufficiente per rialzarsi subito?

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti