Commenta

Calcio Oglio Po,
derby d’alta classifica
tra Gussola e Rivarolo

calcio_ev

E’ il gran giorno in cui un derby Oglio-Po torna a contare per l’altissima classifica (accade in Seconda J), ma è anche un turno in cui non mancano sfide sulla carta favorevoli per spiccare definitivamente il salto.

Rientra senza dubbio in questa categoria la partita Casalese-Valtarese di Promozione Emilia: da un lato il team di Agazzi, reduce da 9 punti nelle ultime 3 partite (che diventano 13 nelle ultime 6) e con il fattore campo a favore; dall’altro una squadra, quella proveniente dalle colline parmensi, che ha la peggior difesa (24 gol subiti) e che soprattutto non ha ancora vinto, staccata sul fondo con un solo punto. Occasione ghiottissima per spiccare il salto ma attenzione ai pericoli della gioventù: una rosa con l’età media bassa sembra sentire di più le vertigini. Meglio non perdere invece di vista l’obiettivo salvezza.

Impegno dai contenuti opposti, in Prima Emilia, per il Viadana: in casa del Nonantola, secondo della classe a un punto dal Campagnola, il team di Boni difficilmente avrà spazio per cogliere il primo agognato successo. Potrebbe però avere campo per manovrare, il che consentirebbe ai canarini di giocarsela come meglio sanno fare. Senza illusioni, si può tentare il colpaccio, fermo restando che, almeno stavolta, dopo due soli punti in tre gare interne, un pari andrebbe in fondo bene.

Un big match particolarmente stimolante si gioca a Pomponesco, in Prima Lombardia girone G: i blues di Mantovani, che negli ultimi 180′ hanno rallentato con un solo punto incassato, ospitano il Casalromano. Classifica alla mano, si tratta di una squadra di medio-alta classifica. In realtà vale molto di più essendo la favorita per la vittoria finale, attardata semplicemente da una partenza di rodaggio. Nello stesso girone non è peraltro male neppure Psg-Gonzaga, che pure riguarda l’estremo opposto della classifica: i blaugrana, che hanno vinto in casa le ultime due sfide (una è stata persa a tavolino, in verità), cercano di prendere altri tre punti, stavolta reali, per staccare una diretta rivale e dimenticare la prova abulica di Casalromano. Inizia peraltro la lunga corsa che porterà, il 10 novembre, a Pomponesco-Psg, ultimo derby dell’Oglio Po nel girone d’andata.

In Seconda categoria per il Dosolo si prospetta l’ennesima gara verità: è vero che i biancorossi hanno appena steso il Suzzara, sopravanzandolo in uno “spareggio” per il secondo posto, ma la sfida al Virgilio (fuori casa) va presa con le pinze. La sfidante, infatti, ha steso la capolista Sermide e pareggiato proprio col Suzzara e vuole il certificato di ammazzagrandi: ai ragazzi di Araldi il compito di non concederlo. Nello stesso girone O il San Matteo ospita il Sant’Egidio/San Pio X, squadra mantovana molto giovane, dunque atleticamente temibile ma altresì inesperta, anche se gli arrivi degli ex Dosolo Zaniboni e Frutti potrebbero pesare in termini di conoscenza del girone. Ad oggi è sfida per allontanarsi dai playout.

In Seconda J, invece, spazio a GussolaRivarolo: partite per salvarsi, le due squadre si trovano ora rispettivamente al terzo e primo posto. E’ un derby d’alta classifica inatteso, dunque, ma sin qui meritato per l’ottima figura dei due team. I biancoverdi hanno un punto sul Castello Ostiano e un match da recuperare, dunque vincendo un nuovo derby (dopo l’1-0 in extremis alla Martelli), potrebbero volare via; i rossoblu, di contro, arrivano da 10 punti nelle ultime quattro partite, hanno due punti in meno della capolista e sognano un sorpasso a suo modo storico. Comunque vada, per le nostre potrebbe essere un successo, a patto che il Castello Ostiano, tra i due litiganti, non ne approfitti (sfida l’Acquanegra: match facile). Nello stesso girone la Martelli vuole dare continuità ai 3 punti presi allo Spinadesco e per farlo basterebbe un punto in casa del Sesto 2010, che punta a vincere il campionato ma ha perso qualche occasione nell’ultimo mese. Sfida difficile, ma molto dipende dalla verve dell’attacco giallorosso, di valore assoluto.

Chiude il programma la Terza categoria mantovana: la Cannetese va in casa della capolista Robur Marmirolo sognando il colpaccio. Dopo il ko in un match all’apparenza facile (in casa contro il San Martino), chissà che il team di Pandolfo non indovini il secondo successo esterno di fila nella più difficile delle trasferte, dopo l’1-0 inatteso inferto 14 giorni fa al Rodigo.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti