Commenta

Rivarolo, ruba di tutto
ma alla fine deve scappare
su una bici… rubata

carabinieri-auto-ev

Episodio dai contorni divertenti quello accaduto nella giornata di giovedi a Rivarolo Mantovano dove è stato sventato un furto. Uno strano personaggio, probabilmente un nomade, che indossava un maglioncino bianco elegante, si era fermato con una Golf nuova di zecca di colore grigio in via Mazzini accanto al furgone di un imprenditore edile.

Lo sconosciuto aveva messo gli occhi sulle attrezzature da muratore presenti sul mezzo dell’artigiano e stava iniziando a trasferirle con la massima disinvoltura sulla vettura con la quale era arrivato. Il colpo avrebbe potuto essere di una certa consistenza se nel frattempo il proprietario, ovvero il geometra M. S. non fosse uscito in strada, cogliendo in flagranza di reato l’uomo e interrompendo così l’azione criminosa. Lo sconosciuto a quel punto ha abbandonato la macchina allontanandosi a piedi, studiando nel frattempo il sistema per procurarsi un mezzo per la fuga, in quanto la Golf era ormai tenuta d’occhio dal geometra che nel frattempo aveva chiamato i Carabinieri. Questi ultimi, attraverso il numero di targa, avevano scoperto che si trattava di un veicolo rubato.

L’uomo a quel punto è entrato dal barbiere G. L., il cui negozio sorge nella medesima via, chiedendo a quest’ultimo se non avesse una bici da prestargli: per convincerlo gli ha messo tra le mani 15 euro come pegno più una scatola di vermi da pesca, che aveva comprato precedentemente nel negozio Hobby Pesca nella stessa zona del paese. Ottenuta la due ruote, il tizio si è messo a pedalare velocemente verso Bozzolo ed è sparito definitivamente, lasciando il barbiere in vana attesa attesa di riavere la bici, tra l’altro nuova e di marca. In compenso al barbiere è rimasta la scatola di vermi che eventualmente potrà girare a qualche amico pescatore.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti