Un commento

Nizzoli a carte scoperte:
“Unico obiettivo è
fare cadere Penazzi”

nizzoli-ev

Anche Fabrizio Nizzoli, coordinatore locale del Partito Democratico di Viadana, interviene sulla questione del giorno (e forse anche del mese) nel comune mantovano: la Cittadella della Salute e la discussione che ha originato lo stallo in consiglio, fino allo scioglimento della seduta a causa della mancanza del numero legale.

“Il progetto della Cittadella della Salute, oltre a portare prestigio al comune, avrebbe sicuramente creato un servizio d’eccellenza per tutta la zona, per nulla in contrasto con le attuali strutture ospedaliere”. Esordisce così Nizzoli nel suo comunicato. “Avrebbe probabilmente creato” prosegue “posti di lavoro. Avrebbe portato un indiscutibile vantaggio economico diretto ed indiretto al Comune, senza svantaggio per alcuno. Come ormai solito però, si è preferito giocare la carta della opposizione sterile, senza scopo alcuno se non quello di danneggiare l’attività altrui. Non sono infatti state avanzate proposte alternative che potessero essere migliorative rispetto a quella che la giunta stava portando avanti. Non si sono fatte nemmeno precise accuse su inesattezze o irregolarità nel progetto. Solo generiche accuse di aver presentato documenti in ritardo e generiche accuse di mancanza di trasparenza”.

“Il PD di Viadana ci tiene a precisare di essere a favore del progetto” spiega Nizzoli prendendo così le distanze dai sei consiglieri scissionisti che hanno abbandonato l’aula pur facendo parte della maggioranza “e profondamente deluso e amareggiato per come è stata affrontata la questione sia dalle minoranze che dal gruppo consigliare che si dice ancora parte di questo partito, ma che agisce in totale autonomia personale, senza dialogo, da mesi. La prospettiva ora è quella di un nulla di fatto che fa male a tutti”.

Infine la pesantissima accusa “E’ ormai evidente a tutti: vi è un accordo trasversale che ha come scopo finale quello di ribaltare l’attuale giunta arrivando a nuove elezioni nella speranza di acquisire pieno potere su Viadana. Non ci sarebbe niente di strano in questo se non fosse che per raggiungere l’obiettivo ad ogni costo, si fa pagare il prezzo a tutta la comunità di Viadana”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • alessio bonazzi

    non credo occorra sottolineare che il PD di viadana sia daccordo… quando si devono garantire gli interessi degli amici, il PD di viadana è sempre d’accordo… ma scusate: la proposta è stata scelta dopo una gara, un bando? o più che una necessità del pubblico è un interesse degli imprenditori che deve trovare una nuova sitemazione perchè l’affitto della banca agricola in via verdi è troppo alto? meglio un terreno gratuito e in centro, con annessi gli ambulatori dei medici di base che fanno da traino ai clienti della cittadella… e vi ritenete dei democratici? VERGOGNATEVI.. in primis il regista ex sindaco ed ex consigliere reg.