Commenta

Incontro in Provincia
a Mantova per l’emergenza
di Torre d’Oglio

ponte-oglio-interrotto-ev

Nella foto, l’interruzione del traffico sul ponte di Torre d’Oglio

Dopo l’improvvisa chiusura del ponte di Torre d’Oglio causata dall’affondamento di due chiatte in cemento che lo supportano, “l’amministrazione comunale di Viadana – fa sapere il primo cittadino Giorgio Penazzi – si è messa immediatamente in contatto con la Provincia di Mantova per sollecitare un incontro urgente fra il presidente Alessandro Pastacci, i sindaci di Viadana e di Marcaria, i rispettivi uffici tecnici e finanziari al fine di risolvere l’emergenza che ha provocato la chiusura del manufatto e conseguentemente l’interruzione del traffico sulla SP 57″. L’incontro si terrà, in via d’urgenza, lunedì 30 dicembre, nel pomeriggio, presso la Presidenza della Provincia.

“Le forti piogge e le conseguenti piene del fiume Oglio – spiega Penazzi – hanno messo a dura prova una struttura che il passare del tempo ha reso oltremodo fragile e che necessita di importanti interventi al fine di mantenerne la sua funzionalità. Nel recente incontro tenutosi in provincia alla fine dell’estate scorsa, da noi sollecitato causa il prolungamento della chiusura del ponte conseguente alla forte secca estiva, era stata presa in considerazione la sostituzione delle attuali chiatte in cemento, ormai vetuste ed ultracentenarie, con chiatte in ferro, molto più resistenti ed adatte altresì ad evitare la chiusura estiva”.

Il problema, come sottolinea il sindaco di Viadana, “più che tecnico è essenzialmente economico, in considerazione dell’elevato costo di tale intervento, circa 800mila euro, ed era stato provvisoriamente accantonato in considerazione dei problemi di bilancio che caratterizzano le gestioni pubbliche, patti di stabilità in primis”.

“L’emergenza odierna  – conclude Penazzi – ci pone di fronte a scelte improrogabili. I cittadini di Viadana e soprattutto gli abitanti della frazioni Nord del nostro comune, con ansia le aspettano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti