Commenta

Torre, nuova postazione
informatica a scuola
in ricordo di Maria

donazione-computer_ev

TORRE DE’ PICENARDI – Si è tenuta martedì mattina alle 11.15, presso il laboratorio informatico della scuola primaria e secondaria, la presentazione ufficiale delle attrezzature didattiche donate dal professor Roberto Lombardi in occasione del 50° anniversario della morte della madre, maestra Maria Adelaide Lanfranchi, storica presenza nella vita scolastica del paese casalasco.

La cerimonia è stata aperta dal Dirigente Scolastico Dott. Sergio Pinsi, che ha effettuato una breve presentazione delle figure di rappresentanza. “L’intenzione inizialmente era quella di mettere a disposizione una borsa di studio in onore della donna – spiega il signor Lombardi – ma, dopo un breve dialogo con il sindaco, abbiamo ritenuto opportuno optare per l’acquisto di una postazione informatica completa, in modo tale da essere in possesso di un ricordo maggiormente concreto nel tempo, oltre che contribuire all’innovazione degli strumenti presenti nell’aula informatica della scuola”.

Non sono mancati i ringraziamenti del Sindaco Mario Bazzani il quale, approfittando dell’occasione, ha messo al corrente i presenti dell’imminente acquisto di un secondo nuovo computer, reso possibile grazie alla raccolta di tappi in plastica che, come ha illustrato la signora Vincenzina Lena (in qualità di responsabile del progetto), ha fruttato ben 400 euro in un solo anno. Il testimone è poi passato all’assessore alla cultura Gianfranco Maffezzoli, che ha invitato i ragazzi a fare un uso intelligente dei mezzi multimediali in generale.

Presente alla cerimonia di martedì mattina anche una piccola rappresentanza del comune di Isola Dovarese, oltre che il contabile del comune di Torre de’ Picenardi Diego Scarsato e la presidente dell’associazione locale “Insieme per la vita” Maria Enrica Lambri. Ottimo riscontro anche da parte degli alunni e delle insegnanti presenti, che mediante ripetuti applausi hanno manifestato la loro gioia verso le progressive innovazioni della scuola.

E. G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti