Commenta

Eridano Adventure,
250 di corsa sul Po
Vince Cattaneo

eridano-partenza_ev

Nella foto la partenza dell’Eridano Adventure

CASALMAGGIORE – E’ partito puntualissimo l’evento del 2014 a Casalmaggiore in materia di corsa off-road. Quasi certamente, anzi, si tratta della più importante manifestazione di questa disciplina nel comune casalese. La partenza è stata organizzata dal Circuito di Motonautica di Sacca di Colorno.

LA GARA – Duecentocinquanta in tutto, alla fine, gli iscritti che, a discrezione, stanno percorrendo due diversi circuiti, uno di 8 chilometri circa e l’altro di 17,5 chilometri (entrambi, come noto, sono stati “tagliati” a causa della piena fuori stagione del fiume Po). Molto suggestivo il passaggio sul ponte del Po, che ha portato la carovana di atleti in territorio cremonese, ma l’intero paesaggio di contorno risulta speciale: l’Eridano toccherà i comuni di Martignana e Colorno, oltre che naturalmente quello di Casalmaggiore. Agli Amici del Po è previsto il traguardo definitivo per la 8 chilometri, quello volante per la 17,5 chilometri. Sempre in zona Lido Po a Casalmaggiore, alle 13, spazio alle premiazioni. Ricordiamo che la gara rientra nel trofeo Agisko, una potenza in materia di trail e corsa off-road e che la manifestazione è ripresa anche da droni multirotori, che regaleranno splendide immagini dall’alto del paesaggio golenale ma anche di Casalmaggiore.

Tra i partecipanti, oltre al grande atteso Marco Olmo, che a 65 anni si fa ancora interprete e totem della disciplina, anche l’olimpionico Simone Raineri e la pluricampionessa italiana di moutain bike orienteering Laura Scaravonati. A sorpresa anche il sindaco Claudio Silla ha preso parte alla gara, scegliendo il percorso più breve. Per il momento il tempo sta reggendo e questo sicuramente aiuterà i partecipanti a chiudere l’impresa in condizioni non troppo estreme.

Un plauso particolare, oltre che agli organizzatori (con il casalese Andrea Visioli in testa), va anche a Croce Rossa Italiana, Protezione Civile (di Casalmaggiore, Martignana e Colorno, in costante contatto tra loro), Guardie Ecologiche Volontarie oltre agli agenti della Polizia Locale di Casalmaggiore: la gara grazie a loro si svolgerà in massima sicurezza. I primi arrivi sono attesi per le 11.30 circa.

L’ARRIVO – Sono arrivati in anticipo rispetto al previsto i top runner della manifestazione, tra i quali anche Marco Olmo. La vittoria della 17,5 chilometri è andata al grande favorito della vigilia, il cremonese Mauro Cattaneo in 1 ore 5′ e 16”. Sul podio anche Carlo Gandolfi, secondo in 1 ore 11′ e 49”, e Andrea Rebeschi, terzo in 1 ore 11′ e 57”. Prima delle donne Olmo ha chiuso al ventesimo posto in 1 ore 16′ e 16” e all’arrivo ha firmato diversi autografi e ha parlato di “una corsa molto particolare, mi è piaciuta parecchio e mi sono divertito. Il paesaggio del Po poi aiuta a correre in serenità”. Molti partecipanti, cultori di Olmo, hanno sostenuto al traguardo che “anche solo correre 4-5 chilometri affiancando il mito è stato un motivo di grande orgoglio”. Nella 17,5 chilometri femminile, a tagliare per prima il traguardo è stata Manuela Rebuzzi, con il tempo di un’ora 23′ e 10”. La viadanese Rossella Poli è arrivata quarta in un’ora 28′ 43”.

E’ stata resa nota anche la classifica della 8,4 chilometri: primo Christopher Gallo che ha corso in 33′ e 11”, secondo invece Fabrizio Marcheselli che ha chiuso in 37” 40”, sul posto come terzo anche Gabriele Candiani in 39” 53”. Prima delle donne proprio la casalese Laura Scaravonati, quinta in 41′ 54”.

Tra gli over 50, nella 17,5 chilometri uomini è arrivato primo Carlo Gandolfi, secondo Giuseppe Mancastroppa, terzo Marco Olmo. Fra le donne over 50, prima Michela Grassetto. Premiata anche Clarissa Salviati della categoria Under 25 femminile.

redazione@oglioponews.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti