Commenta

Pomì, contro Piacenza
c’è poco da fare:
0-3 a Viadana

pomi-piacenza1-ev

Nella foto, il PalaFarina prima del match

Pomì Casalmaggiore vs Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 0-3 [25-27, 22-25, 18-25]

Pomì Casalmaggiore: Bacchi 1, Aguero, Olivotto 3, Sirressi, Gennari 6, Quiligotti, Aguirre 7, Agrifoglio 1, Lipicer 12, Camera, Zago 18, Stevanovic 5, Grazietti 1. All.: Beltrami.

Rebecchi Nordmeccanica Piacenza: Poggi, Valeriano 2, Leggeri 9, De Kruijf 15, Van Hecke 11, Meijners 9, Manzano, Ferretti 3, Sansonna, Bramborova, Caracuta, Bosetti 11, Vindevoghel. All.: Caprara.

PRIMO SET – Il primo punto è piacentino ma la Pomì innesca prima Stevanovic quindi Zago, che con due ace dà il benvenuto alla Rebecchi. Il primo +3 rosa arriva sul risultato di 11-8: ace di Tina Lipicer prima, muro di Zago poi. Al primo time out Casalmaggiore è avanti 12-10 grazie ad Aguirre. Due errori locali consegnano il pari a Piacenza: 12-12. Il ritmo è scandito dalla Pomì che con un ace di Gennari va sul 15-13 e costringe Caprara a interrompere e richiamare le sue, che rispondono ribaltando il parziale: 15-16 e a chiedere il tempo è Beltrami. Serve a poco, almeno nell’immediato, perché Piacenza scappa sul 17-22 divaricando il gap. Beltrami toglie Lipicer per dare una scossa: entra Bacchi, un talismano, 19-22. Si viaggia sul +3 emiliano. Dentro Olivotto, fuori Aguirre. Stevanovic annulla la prima palla set della Rebecchi: 21-24. Strepitoso il punto del 22-24 che manda in visibilio il PalaFarina. Piacenza pare avere un black out: un’infrazione ospite prima e una schiacciata di Gennari valgono il 24-24. Zago sigla l’ace del 25-24 poi sbaglia la misura e le ospiti ribaltano lo svantaggio. Un muro su Stevanovic consegna il primo set alla Rebecchi: 25-27.

SECONDO SET – Zago inaugura: è un fuoco di paglia perché Piacenza cala il tris, 1-3. Un ace della solita Zago per il 3-3. Con Gennari la Pomì torna avanti e con Lipicer allunga: 7-5. Ad andare in tilt ora è il computer al banco degli arbitri e la gara s’interrompe per qualche minuto. Si teme il raffreddamento, invece la Pomì rientra più calda di prima e allunga sul 9-5. Una sassata di Lipicer sulla parallela tiene Casalmaggiore a +4: 11-7. Il 12-8 è un romanzo, rosa grazie a Zago. Il 14-9 è un punto inedito: lo sigla la capitana Lipicer di viso, con una ricezione sui generis. De Kruijf mura Zago sul 14-13 e serve l’ingresso di Grazietti per rialzare il muro locale col 15-14. Bosetti tuona, la Pomì prova a replicare ma con un paio di errori in ricezione lascia il set in mano ospite: 16-18. La difesa rosa fa acqua e la Rebecchi scappa: 20-17. Lipicer prova a scuotere Casalmaggiore che riagguanta il pari: 20-20. Un punto terminabile costa un problema fisico a Sirressi, costretta ad uscire. La Pomì prova a reggere l’urto e con Olivotto fa 22-23. Meijners però mette giù di potenza il 24esimo punto emiliano. Il 25esimo arriva a ruota e fa imbufalire Beltrami.

TERZO SET – Piacenza s’impadronisce subito del punteggio e non lo molla. Ma le locali tengono botta e con Zago e Olivotto accorciano: 4-5. La Rebecchi ha risorse in tutti i fondamentali e anche con la battuta non scherza: con due ace le azzurre arrivano presto al 4-10. Al time out tecnico Piacenza è già scappata e al punto numero 14 ha già doppiato le locali. Aguirre e Zago risvegliano la Pomì dal torpore: 9-14. Stevanovic fa e disfa: 11-16. Le rosa provano a rimanere in scia ma il divario, fra qualche tira e molla, resta invariato: 14-19. Guadagna qualcosa Casalmaggiore complice anche un calo ospite: 17-20. Un calo momentaneo, perché fatto il 21esimo punto Piacenza non molla più l’osso e nonostante qualche protesta fila via verso la conquista dell’incontro. Con sei palle match non c’è scampo per la Pomì: ne basta una, finisce 18-25. Finisce, nel complesso, 3-0 per le campionesse d’Italia in carica.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti