Commenta

San Siro, accolta
la protesta dei disabili
iniziata a Casalmaggiore

sansiro_ev

Nella foto la nuova visuale per i disabili deambulanti a San Siro

CASALMAGGIORE – Anche se la partita per il Milan è andata male, qualche cuore rossonero presente domenica scorsa a San Siro ha potuto comunque festeggiare. Per un traguardo ben più importante dei 3 punti conquistati dalla Juventus nella tana del “Diavolo” per opera dei gol di Llorente e Tevez.

Pare infatti che sia stata vinta una battaglia di civiltà: per la prima volta dopo anni di proteste anche i disabili deambulanti hanno potuto osservare la partita senza immaginarsela, posizionati, come gli altri portatori di handicap (costretti su una carrozzina), al primo anello arancio dello stadio milanese.

Una battaglia partita proprio da Casalmaggiore, della quale anche il nostro portale si era fatto promotore, assieme anche a grandi media, non ultimo “La Gazzetta dello Sport”. Non solo: la lettera scritta dal Milan Club di Casalmaggiore era infatti stata sottoscritta anche da altri Milan Club italiani, che avevano così appoggiato l’iniziativa (mai polemica, sia chiaro, ma costruttiva) partita dal casalasco.

Come noto, infatti, i disabili deambulanti prima erano costretti a osservare la partita in una zona semi-sotterranea (nel senso che i seggiolini erano sotto al livello del campo) posta ai piedi del primo anello verde, sotto la curva solitamente occupata dai tifosi dell’Inter: qui, però, anche a causa di striscioni e bandiere penzolanti, il cono visivo era per lo più ostruito. Domenica, finalmente, ecco la luce in fondo al tunnel: semplicemente presentando l’accredito e senza particolari richieste, i disabili deambulanti sono stati fatti accomodare al primo anello arancione. E da lì è stata tutt’altra visuale: ecco perché, anche se il Milan ha perso 2-0, qualcuno tornando verso Casalmaggiore era comunque soddisfatto per l’inattesa ma gradita sorpresa. E il doveroso “Grazie Milan” è arrivato comunque, dal profilo Facebook, al di là del risultato sportivo…

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti