Commenta

Caso-Viadana, Ferreri:
“Situazione che non
poteva continuare”

ferreri-viadana-ev

Nella foto, il consigliere comunale Domenico Ferreri

VIADANA – Dopo il consiglio comunale del 30 aprile scorso, col voto contrario al bilancio consuntivo che ha messo sotto l’amministrazione Penazzi, il consigliere Domenico Ferreri rilancia, convinto che quanto fatto “doveva essere fatto molto prima”. “Grande è stata la delusione del sindaco, del vicesindaco, di Cesarina Baracca e di Salvatore Rosario Villirillo, con affermazioni a dir poco fantasiose e non veritiere, ma sopratutto con argomenti di difesa che non reggevano la situazione che questa amministrazione ha determinato in questi circa 3 anni”: attacca Ferreri. Il consigliere guarda non solo alla recente adunanza, ma dall’inizio del mandato: “Molti sono stati i punti esposti e che non hanno mai avuto una risposta oppure sottovalutati perché ritenuti superflui. Alcune situazioni le voglio ricordare: Piazzale Libertà, tutt’oggi ferma, nuova URP contro il volere di tutto il Consiglio, Piazzola Ecologica fatta a spese dei cittadini con uso gratuito da parte di aziende non comunali, acquisto di diverse strumentazioni come Speed check, autovelox, telecamere, semafori intelligenti che non hanno portato nessun miglioramento per la sicurezza, perdita dell’Ufficio dell’Entrate, parcheggi a pagamento con contratti non rispettati, Zanzibar concesso per soli 2100 euro l’anno, Arena ancora tutt’oggi abbandonata, Bar del Campo sportivo stessa sorte, crediti di diverse aziende che il Comune deve ricevere e tantissime altre situazioni mai chiarite”.

Ferreri punta poi il dito contro Dario Anzola: “Sentire poi l’intervento del Vicesindaco pieno di inesattezze è stato veramente di un livello bassissimo. Oltre a ciò la cosa che mi ha sorpreso è l’aver visto Anzola abbandonare l’aula dopo il suo intervento senza ascoltare le repliche dei consiglieri, una cosa veramente vergognosa e sopratutto senza alcun rispetto verso il suo elettorato”. Secondo il consigliere di minoranza “la situazione non poteva continuare, anche perché il disagio più grosso lo sentivano i cittadini”. “Certo – prosegue Ferreri -, questa esperienza mi ha fatto capire molte cose che mi hanno fatto crescere sotto un certo aspetto, ma che mi hanno sopratutto deluso, per il poco impegno che si dedica alle vere problematiche quotidiane. Un comune di Viadana con l’introito che riceve dalle tassazioni potrebbe fare molto di più, invece questo non è successo. In questi circa 3 anni ho sentito molte critiche e poche lodi nei confronti dell’amministrazione comunale, ma ho sempre risposto che purtroppo abbiamo sbagliato qualcosa nel scegliere queste persone”. Ferreri conclude con un commiato: “Dico sempre ai cittadini, informatevi di più, chiedete quello che non sapete, i soldi che usano sono i nostri, quindi nessuna paura nel chiedere ciò che vi spetta. Vorrei con l’occasione ringraziare tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione che hanno lavorato e creduto nel lavoro comune, ringrazio tutti i cittadini che mi hanno sostenuto e criticato, ringrazio i dipendenti comunali per il loro ottimo operato”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti