Commenta

Discriminazione
razziale: mille euro
di multa alla Casalese

icio-ferrari-ev

Nella foto, gli spalti della Baslenga

CASALMAGGIORE – Sconfitta sul campo, condannata dal giudice sportivo per quanto accaduto fuori dal terreno di gioco: la Casalese che si gioca la permanenza in Promozione all’ultima giornata, domenica prossima in Baslenga contro la capolista Termolan Bibbiano, è reduce da un week end finito male sia a livello di risultato col pesante ko per 3-0 a Medesano che in fatto di disciplina. A causa di insulti a sfondo razzista (“espressioni di discriminazione razziale”: si legge sul comunicato ufficiale diramato mercoledì) riservati da un sostenitore biancoceleste nei confronti di un giocatore del team parmense, il giudice sportivo emiliano ha inferto alla società maggiorina una multa salatissima: mille euro. In un’annata storta, piena di difficoltà in fatto di risultati maturati sul campo, in Baslenga dovranno ora fare i conti anche con un’ammenda pesante a causa delle intemperanze e dell’inciviltà dimostrate da un proprio tifoso nel corso dell’ultima trasferta del campionato.

La Casalese, che nella persona del presidente Paolo Azzi aveva dichiarato a caldo che “nel corso della partita non ci sono stati insulti razziali da parte dei sostenitori biancocelesti verso giocatori in campo”, venerdì mattina fa sapere, sempre per bocca del patron, che un episodio da condannare c’è stato eccome ed è avvenuto a fine gara, abbondantemente dopo il triplice fischio. “Abbiamo anche individuato il presunto responsabile. Faremo ora le nostre verifiche e valutazioni anche per quanto riguarda il pagamento della cospicua multa”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti