Commenta

Incendio alla Frati
di Pomponesco:
pompieri fino alle 5

frati-incendio_ev

Nella foto l’interno della ditta Frati di Pomponesco

POMPONESCO – E’ stato un mix di paura e curiosità quello che ha senza dubbio coinvolti alcuni operai della ditta Frati di Pomponesco, uno dei leader a livello internazionale nella produzione dei pannelli di legno. Attorno alla mezzanotte di domenica, infatti, un vasto incendio, per fortuna circoscritto ad una sola zona della grande azienda, ha iniziato a divampare a causa di un malfunzionamento di una macchina aspiratrice.

Stando a quanto riportato dai Vigili del Fuoco, intervenuti in massa sul posto, uno dei filtri della macchina aspiratrice, che serve a togliere il vapore dai trucioli di legno in fase di pressatura, avrebbe aspirato anche materiale incandescente, causando così una prima scintilla, che ha poi dato origine all’incendio. I vari filtri del meccanismo sono andati distrutti dalle fiamme, anche se per il momento è difficile quantificare i danni: per fortuna, come detto, l’incendio è rimasto circoscritto alla parte finale della seconda linea di pressatura, in uscita dalla pressa. In ditta in quel momento si trovavano pochi operai (un paio al massimo quelli solitamente addetti alla fase finale della linea di pressatura in questione) che, spaventati per il principio di incendio, hanno subito contattato i Vigili del Fuoco.

Questi ultimi sono accorsi in massa se è vero che, come riporta il comando di Mantova, ben 18 squadre sono arrivate a Pomponesco dalle varie caserme di Viadana, Guastalla, Luzzara, Mantova e Reggio Emilia. L’impegno per spegnere l’incendio è stato notevole, anche perché fino alle 5 del mattino i pompieri sono stati impegnati a domare le fiamme e a mettere in sicurezza quella parte della fabbrica.

La stessa fabbrica è rimasta chiusa nella giornata di domenica, nonostante sia previsto il ciclo continuo con turni anche festivi, perché, essendo fuori uso la parte finale della linea di pressatura, anche le altre operazioni sarebbero risultate rallentate, quando non inutili. Si attende ora di conoscere una stima più precisa dei danni, anche se soltanto un macchinario, per quanto costoso, sarebbe ora compromesso a causa dell’incendio.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti