Commenta

Avis Pedale & Devicenzi
nuova biciclettata:
la meta è Chiavari

casalmaggiore-madonna-campiglio-avis-ev

Nella foto, il gruppo all’epoca della Casalmaggiore-Madonna di Campiglio

CASALMAGGIORE  – Anche quest’anno, l’Avis Pedale Casalasco e l’atleta disabile martignanese Andrea Devicenzi organizzano una bicicletta sulla lunga distanza. Iniziata nel 2011 con la Casalmaggiore – Madonna di Campiglio, l’iniziativa del ‘tappone’ per ciclisti nata per puro caso ha sempre stimolato Devicenzi, che ammette: “il mio sogno è di volerci arrivare con la mia gamba” scheda il triatleta. “Il 2011 fu l’anno della Parigi/Brest, perciò utilizzai questa giornata in preparazione per quella manifestazione. La giornata fu sicuramente faticosa ma ci riempì tutti di gioia e soddisfazione, tantochè l’anno successivo organizzammo la Casalmaggiore – Cesenatico e lo scorso anno andammo a Forte dei Marmi, dove fummo ospitati dai ragazzi della Casalmare”. “Anche quest’anno – prosegue Devicenzi -, giunti alla quarta edizione, ognuno di noi non ha voluto rinunciare all’appuntamento che unisce la passione per la bici, l’amore per lo sport e la volontà di stare assieme”.

La meta di sabato 12 luglio sarà Chiavari, circa 150 km da Casalmaggiore: non mancheranno piccole salite, ma anche momenti di ristoro e di aggregazione. “Ogni anno non manca mai chi all’inizio rimane titubante sul chilometraggio totale da affrontare – chiosa Devicenzi -. Una volta decisi di partecipare, i ciclisti si accorgono che il gruppo è li con loro, nei momenti difficili si trasforma in un vero e proprio team di supporto, dissolvendo le difficoltà, rendendo l’obiettivo apparentemente irraggiungibile,
non solo alla loro portata ma arrivandoci anche con un grandissimo sorriso, soddisfatti, di aver alzato quell’asticella del proprio limite”. Massimo Mantovani, rappresentante Avis Pedale Casalasco: “Come soci del gruppo ciclistico siamo veramente fieri
di questa amicizia che ci lega ad Andrea Devicenzi. Il suo messaggio si sposa molto bene con le finalità del nostro gruppo sportivo, che oltre allo sport e alla fatica vere e proprie, comprende anche l’amicizia e il piacere di stare insieme, nonché la volontà di esibire nei luoghi transitati il simbolo dell’Avis, con il messaggio di solidarietà che inevitabilmente rappresenta”. Anche quest’anno la gita si propone con un programma piacevole e sarà aperta anche ai non iscritti Avis. Lo scorso anno da Casalmaggiore a Forte dei Marmi si sono mobilitate circa 40 biciclette, il che la dice lunga sull’interesse alla nostra manifestazione. “Un ringraziamento a chi, come sempre – precisa Mantovani -, collabora con entusiasmo per la realizzazione e al Presidente dell’Avis Pedale Casalasco Lino Scappini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti