Commenta

Zona 30, il sondaggio
spacca l’opinione
pubblica: finisce 50-50

slow-town-ev

Nella foto via Baldesio con la sua Slow Town

CASALMAGGIORE – Il sondaggio di OglioPo News relativo alla zona 30 di via Baldesio e al suo indice di gradimento tra i cittadini casalesi (e non solo), aperto lunedì 30 giugno mattina e chiuso alle 12 di lunedì 7 luglio, ha portato ad un risultato clamoroso. La spaccatura tra favorevoli e contrari è netta ma soprattutto la lotta è stata da subito equilibratissima: centinaia i votanti che si sono espressi per un 50-50 netto e finale. Di fatto una conferma sul fatto che la Slow Town continua e continuerà a fare parlare di sè, in positivo o in negativo. A voler essere precisi, utilizzando i decimali, possiamo dire che i contrari si affermano per soli 4 voti, davvero un’inezia e dunque il risultato finale in realtà registra il 50,2% dei voti contrari e il 49.8% invece favorevoli.

Un risultato che si presta peraltro a vari tipi di lettura: i detrattori della “Zona 30” possono infatti appigliarsi al fatto che la metà della popolazione non è favorevole all’esperimento; d’altro canto, chi ha promosso la “Slow Town” sin dall’inizio può invece rimarcare come una rivoluzione (non solo viabilistica ma sotto sotto anche culturale) sia riuscita a riscuotere successo nel 50% dei casalesi. Come noto, gli stravolgimenti sono infatti sempre difficili da digerire.

A sostegno della “Zona 30” l’architetto Matteo Dondè, promotore, ha spiegato che “molto probabilmente quelli poco favorevoli sono coloro che erano abituati a sfrecciare a tutta velocità lungo via Baldesio e ora non possono più farlo. Dai residenti abbiamo invece avuto parecchi riscontri positivi, direi la quasi totalità”. Insomma, il dibattito è aperto e il sondaggio non fa che mantenerlo acceso: in attesa di capire cosa scaturirà martedì 8 luglio dall’atteso incontro tra l’assessore Vanni Leoni (a proposito, il sindaco Bongiovanni si è detto più che favorevole alla “Zona 30”), i tecnici comunali e i promotori dell’esperimento.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti