Commenta

Morì sul lavoro
Condannato in secondo
grado l’imprenditore

morte-lavoro_ev

SAN GIOVANNI IN CROCE/CASALMAGGIORE – E’ stata confermata anche in Corte d’Appello a Brescia, mercoledì, la condanna a otto mesi di reclusione (pena sospesa) che già era stata inflitta dal tribunale di Cremona in primo grado nel novembre 2013 a Candido Grosso. L’uomo è il titolare dell’impresa omonima (il ramo è quello dell’edilizia) che si trova a San Giovanni in Croce.

Il 27 novembre 2007 un artigiano di origini albanesi, Sabedin Xhepa, 42 anni, era infatti morto dopo una settimana di coma a causa di una caduta dal tetto di un’abitazione a Castelponzone (Scandolara Ravara), dall’altezza di tre metri e mezzo. Il tetto aveva ceduto all’improvviso e per questo motivo Grosso è stato condannato per omicidio colposo.

La svolta al processo era arrivata con il pm Fabio Saponara e gli avvocati che difendono gli interessi della famiglia di Xhepa, ossia Mauro Intagliata e Francesco Tazzari, entrambi di Reggio Emilia, che in primo grado riuscirono a dimostrare un rapporto di lavoro subordinato esistente tra lo stesso artigiano e l’imprenditore edile, che non aveva dotato il 42enne di tutta l’attrezzatura minima necessaria per svolgere il lavoro di muratore in totale sicurezza. La sentenza, emessa a Cremona dal gup Letizia Platè, è stata confermata anche a Brescia: è stato dunque confermata anche la provisionale di 30mila euro. Saranno invece i giudici civili a stabilire l’entità del risarcimento per i famigliari di Xhepa (la vedova, i due figli, i tre fratelli e il padre).

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti