Commenta

Paolo Donzelli,
negli States per cullare
un sogno: volare

donzelli-aereo-ev

Nella foto, Paolo Donzelli

CASALMAGGIORE – Dal sito www.casalaschinelmondo.it arriva una nuova storia: Paolo Donzelli, nato nel 1991 a Viadana e sempre vissuto a Casalmaggiore, ha deciso di trasferirsi negli States per continuare a cullare il proprio sogno: il volo. Così il 23enne si racconta.

Sono nato a Viadana il 12 agosto del 1991, ho sempre vissuto a Casalmaggiore dove ho conseguito il diploma di geometra presso il Polo G. Romani conciliando lo studio all’attività sportiva. Ho remato alla canottieri Eridanea per molti anni dove ho imparato, prima di tutto, la disciplina, la determinazione, il sacrifico, elementi essenziali per raggiungere i propri obiettivi. Dopo il diploma, con tutti i dubbi e le incertezze di chi deve decidere del proprio futuro, mi sono iscritto all’Università di Parma, facoltà di Ingegneria Meccanica ma la vita di ateneo non mi ha mai convinto e lasciatemelo dire mi è sempre stata stretta. Troppa teoria, poca pratica: non mi sono mai sentito al mio posto tra le lunghe fila di studenti cercavo sempre di pensare a qualcosa che potesse sostituire quella vita e che potesse diventare la mia. Ho sempre amato le avventure ed un giorno, si è riaccesa in me una passione che avevo da bambino, una di quelle che si accantonano perché mai penseresti di poter realizzare: il volo. Il problema grosso era come fare, come fare a concretizzare questo sogno che all’improvviso sembrava la strada giusta da seguire, quello dell’aviazione è un mondo complicato ed io non ne sapevo quasi nulla. Ormai era troppo tardi per l’Accademia Militare quindi mi sono rivolto all’Aeroclub Montichiari dove ho incontrato dei grandi professionisti che mi hanno portato sino al battesimo dell’aria col primo volo solista e relativo gavettone dalle ali di quel PA-28 che stavo imparando a far volare sopra il Lago di Garda.

Purtroppo in Italia le cose non vanno benissimo, si sa, ed io ero l’unico allievo della FTO così per problemi definiti amministrativi la scuola ha chiuso prima due settimane, poi un mese poi a data da destinarsi. Stanco di stare coi piedi per terra ho fatto qualche ricerca e ho preso la mia decisione, partire per gli Usa in particolare Arlington TX dove le scuole di questo tipo sono all’ordine del giorno. In pochi mesi e con molta dedizione ho ottenuto le licenze FAA di Pilota Privato e Commerciale Single e Multiengine Complex Airplane e di Volo Strumentale, presso l’Accademia di volo Skymates ed il Tailwheel Endorsement e High Performance presso Huffman Aviation. In America nel campo dell’aviazione ci sono molte opportunità. Qui in Texas mi trovo bene, nonostante i visti mi garantiscano una permanenza di un certo periodo, il desiderio sarebbe di restare un po’ di più e, magari, diventare istruttore nella stessa scuola che mi ha dato le ali ma non è facile ottenere il permesso di lavoro. Per questo motivo, a breve, mi trasferirò in Florida per continuare a studiare e sostenere gli esami di Airline Transport Pilot’s Licence (ATPL EASA) che mi aprirà le porte per la conversione delle licenze Americane in quelle Europee. Qui ho trovato la mia dimensione, studio con piacere e volo spesso ma cerco di tenere i piedi per terra e di non stare troppo con la testa tra le nuvole anche se per un pilota a volte può risultare difficile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti