Un commento

Festa Rive Gauche:
“Stiamo andando
nella direzione giusta”

rive-gauche-festa-2014-ev

Nella foto, l’affollato ristotenda

CASALMAGGIORE – Con la conclusione della nona edizione della festa di Rive Gauche Rifondazione Comunista, il circolo casalese traccia un bilancio positivo dei “quattro giorni di pace, musica e diritti” tenutisi in zona Lido Po nello scorso week end. “Anche in occasione dell’ultima serata la gente è arrivata numerosa ad affollare i tavoli del ristorante nonostante il tempo non promettesse bene”: spiega il segretario Gloria Barili. “Interessante e seguito il dibattito ‘La mafia a Cremona’, applaudita la band Emily Collettivo Musicale che ha suonato sotto una finissima pioggerella. Esaurito i libro ‘Gesù era ricco. Contro comunione e liberazione’ di Saverio Tommasi. Buon riscontro anche per l’iniziativa promossa da arcigay La Rocca Cremona, volta a raccogliere opinioni comuni su argomenti quali omofobia e diritti. Successo per tutte le band che si sono susseguite sul palco nelle quattro serate, apprezzate non solamente dal giovane pubblico”. Presente, durante la serata del venerdì Adelmo Cervi (figlio di uno dei sette fratelli Cervi, Aldo Cervi terzogenito), che è intervenuto dopo la canzone della Gang dedicata ai fratelli Cervi, parlando dei valori che ha trasmesso la resistenza: “Dal palco – spiega ancora Barili – ha espresso un forte disappunto per la scelta della nuova amministrazione Comunale di togliere l’adesione all’Istituto A. Cervi, consapevole di quello che l’istituto e il museo rappresentano non solo a  livello nazionale”.

Questa edizione, causa impegni per la campagna elettorale in riferimento alle elezioni amministrative, è stata organizzata in poche settimane: “La fatica fortunatamente è stata ripagata dal sostegno di tutte le persone che sono passate alla festa. Il circolo Rive Gauche è ormai diventato un punto di riferimento politico non solo per Casalmaggiore ma per il comprensorio Oglio-Po”. “Ringraziamo tutti i compagni/e, che hanno lavorato giorno e notte per la realizzazione della festa, in questa edizione nuovi sostenitori e volontari si sono avvicinati, questo ci rende parecchio soddisfatti perché significa che stiamo andando nella direzione giusta”. “La festa naturalmente non è l’unica iniziativa del nostro circolo – chiosa Barili -, da settembre, dopo una breve pausa, riprenderanno due volte al mese la distribuzione di generi alimentari da parte del gruppo d’acquisto popolare (Gap). Previsti da ottobre altri incontri sulle tematiche dell’ambiente e del lavoro. Il nostro circolo è aperto tutti i martedì sera dalle ore 20 alle 22”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Matteo Vicini

    si è accorto anche Bertinotti che il comunismo non ha senso…. manca solo che se ne rendano conto i casalaschi che, si sa, sono spesso al passo coi tempi… Però, a pensarci bene, se continuiamo così può darsi che risolleviamo la nostra economia: potrebbero venire a studiarci orde di persone e, pure, girarci un “Jurassic park” o meglio un “Tavarish park”!