Commenta

Papa Francesco
prega per la famiglia
di Giovanni Bettoni

papa-bettoni-ev

Nella foto, Papa Francesco benedice la famiglia Bettoni

BOZZOLO – Don Gianni Maccalli della parrocchia di Bozzolo ha accompagnato Maria Luisa Pagliari la moglie di Giovanni Bettoni di cui non ci sono più notizie dal 30 luglio scorso, all’udienza del Santo Padre in Vaticano. L’incontro, commoventissimo si è svolto in piazza San Pietro nella consueta giornata del mercoledì. Insieme alla signora Bettoni c’erano i due figli Filippo e Sofia, una coppia di amici coi propri figli piccoli e il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio che ha riportato una profonda  sensazione di emozione attraverso il contatto con Papa Francesco: “Un momento di intensissima commozione che mai avevo provato prima d’ora e che scaturisce dalla vicinanza di un uomo di cui si avverte immediatamente il carisma e la forza spirituale pur nella sua semplicità e umiltà”. La delegazione di Bozzolo, grazie alla Fondazione don Primo Mazzolari e all’interessamento di Padre Sapienza Prefetto della Casa Pontificia, ha trovato sistemazione in una tribuna privilegiata vicinissimo al percorso del Pontefice. In mezzo a cinquantamila persone presenti all’udienza, Papa Francesco ha trovato il momento per fermarsi davanti ai bambini e alla moglie del commercialista di Bozzolo scomparso nel mare della Sardegna mentre faceva wind surf. Dopo avere salutato don Gianni ha posato una mano sulla testa dei bambini benedicendo poi una foto in cui era ritratta la famiglia al completo.

Il Santo Padre ha quindi promesso di pregare per invocare la Grazia del Signore per alleviare le angosce e le pene soprattutto dei due bambini che ancora chiedono quando ritornerà il loro papà. La trasferta a Roma ha poi avuto un momento più tecnico con l’accoglienza nel pomeriggio al Ministro dei Trasporti da parte del Capitano di Vascello Filippo Marini col direttore generale. Il colloquio, durato quaranta minuti è servito per mostrare alla signora le schede contenenti i rapporti trasmessi  dalla capitaneria di Porto di Cagliari durante le ricerche. Ricerche che tutt’ora proseguono dato che in Sardegna la situazione metereologica lo consente. Controlli e verifiche costanti eseguite anche fuori dalle acque territoriali con il coinvolgimento del governo tunisino per monitorare il tratto di mare di loro competenza. Il fratello di Giovanni, Paolo Bettoni è volato in Tunisia per seguire direttamente le ricerche nel paese nordafricano.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti