Commenta

Spaccata a vuoto,
mistero in via Cairoli
Arriva la stradale

spaccata-viacairoli_ev

Nella foto l’auto recuperata con il finestrino spaccato

CASALMAGGIORE – Spaccata “misteriosa” scoperta nel tardo pomeriggio di giovedì da un uomo di San Giovanni in Croce, classe 1968, che ha subito allertato la polizia stradale. Il ritrovamento della brutta sorpresa è avvenuto in via Cairoli, all’altezza del civico 70, in una zona sprovvista di telecamere di sorveglianza (per intenderci, se l’episodio fosse accaduto nella vicina via Garibaldi, probabilmente l’episodio sarebbe stato ripreso).

Lo stesso proprietario dell’automobile, una Alfa Romeo Brera di colore blu dallo stile sportivo, si è accorto che qualcosa non andava, in quanto il finestrino anteriore dal lato del passeggero era andato completamente in frantumi. Tuttavia il mistero, per così dire, sta nel fatto che tutti gli oggetti preziosi o dal buon valore di mercato, che dunque avrebbero potuto attirare l’attenzione e l’appetito dei ladri, erano al loro posto, sul sedile del passeggero.

La polizia stradale, intervenuta per rilevare l’accaduto, addirittura dapprima ha pensato che il vetro fosse andato in frantumi a causa dello sbalzo termico anche se questa ipotesi, apparsa poco plausibile, è presto stata abbandonata. L’automobile, trasportata davanti al comando della polizia stradale in via Azzo Porzio, parallela di via Cairoli, in effetti all’interno era intonsa, se si eccettuano poche “briciole” del finestrino andato in frantumi. Sul sedile non sono stati toccati né la macchina fotografica digitale, né il cellulare, né una borsa da uomo, segno che il potenziale ladro, probabilmente, ha lasciato perdere, o comunque è stato disturbato durante la sua azione. In questo modo gli agenti della polizia stradale, dopo avere registrato la regolare denuncia, non hanno potuto fare altro che consigliare al proprietario dell’auto una maggiore attenzione e maggior cura nel nascondere gli oggetti preziosi quando l’auto viene lasciata incustodita.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti