Commenta

Governatore: “Il Rotary
concentri l’impegno
sul territorio”

tavolo-presidenza-rotary-ev

Nella foto, il tavolo di presidenza

CASALMAGGIORE – Servirebbe una visita del Governatore al mese per dare una svolta fondamentale alle attività dei Rotary Club e soprattutto alla conoscenza che ha di questo organismo il mondo esterno. La grinta, la determinazione e l’entusiasmo contagioso di Fabio Zanetti sono propedeutici per un cambiamento, per una trasformazione profonda dell’associazione che rischia altrimenti un invecchiamento precoce e una scarsa penetrazione nella società esterna. E infondono una carica potente a chi è chiamato a far parte di questo importante organismo e ad operare al suo interno.

“Le nostre Paul Harris, i nostri distintivi sul bavero della giacca fuori di qua non contano più niente ed è quindi necessario che noi ci facciamo conoscere per quello che effettivamente facciamo” ha esordito il Governatore rotariano in visita lunedì a Casalmaggiore, accolto da tre club riuniti quali il Casalmaggiore-Viadana-Sabbioneta, il Casalmaggiore-Oglio Po e il Piadena-Oglio-Chiese con i rispettivi presidenti Pietro Sganzerla, Carlo Stassano, Giampaolo Perteghella, più le giovani  presidenti del Rotaract Silvia Braga e Romina Stringhini e il responsabile dell’E.Club Maurizio Mantovani.

“La gente pensa che il Rotary sia un gruppo di persone ricche riunite in una specie di associazione massonica. Dobbiamo quindi far capire che non è così, diffondendo i risultati raggiunti come ad esempio i pozzi d’acqua realizzati in Africa e la lotta contro la polio che senza la nostra campagna di vaccinazione riprenderebbe il sopravvento. Il Governatore ha quindi spiegato, anche attraverso diapositive, qual è il significato dello slogan “Light up Rotary” e quelli che sono i metodi e le finalità dell’associazione, sollecitando l’ingresso dei giovani e affidando loro un ruolo per evitare che si stacchino troppo presto dalle attività sociali. “Se apriamo le finestre di casa nostra, le vere povertà le troviamo lì sotto. Quindi servono più collette alimentari e meno restauri di pale nelle chiese” ha continuato Zanetti, che ha citato una massima di Confucio di cui il presidente internazionale Gary Huang è un seguace: “E’ meglio accendere una piccola candela che stare seduti a maledire l’oscurità”.

Dopo l’appassionata relazione di Zanetti il ristorante Bifi, dove si svolgeva la conviviale con 150 commensali, ha cominciato a servire culatello e prosciutto come antipasto, pasticcio al radicchio, riso alla zucca, terminando con tiramisù e caffè. Tra una portata e l’altra, la parte più celebrativa della serata con l’assegnazione della Paul Harris a Letizia Frigerio per il suo impegno giornalistico all’interno del Club e l’ingresso di tre nuovi soci quali la psicologa Carola Freddi, Piergiorgio D’Elia del Comando Vigili del Fuoco di Cremona e l’agente assicurativo Andrea Costa, introdotti dai soci Bonfatti Paini, Scaravonati e Magni. Pure i giovani si sono dati da fare introducendo Paolo Vittorio Donzelli, che frequenta la scuola di volo in Texas, presentato da Silvia Braga. Alla fine una Paul Harris il governatore Zanetti l’ha consegnata anche alla propria moglie Elena per la pazienza con cui condivide l’incarico rotariano del marito che lo tiene spesso lontano da casa, in giro da un territorio all’altro.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti