Commenta

Cibo e racconti
della tradizione nella
cucina del Nizzoli

nizzoli-serata_ev

Nella foto un momento della serata

VILLASTRADA (DOSOLO) – Ha fatto centro ancora una volta l’imperatore della zucca Arneo Nizzoli con le sue specialità culinarie. Venerdì sera ha ricevuto altre ovazioni da un sacco di gente che non arrivano qui solo per mangiare ma soprattutto per “nutrirsi” della sua rinomata saggezza, del suo modo calmo e piacevole di raccontare le sue ricette, legandole alla storia del tempo.

Così tra una portata e l’altra ai commensali vengono ricordate le tradizioni padane dove la zucca era considerata un piatto povero e il porcile, la legnaia e il pollaio rientravano tra i luoghi sacri della famiglia che proprio per questo venivano benedetti con l’acqua dell’aspersione durante il passaggio del parroco. Per l’occasione Nizzoli, come al solito sorretto da un equipe famigliare d’eccezione, si è addirittura superato con la presentazione di piatti superlativi dove la zucca appariva sempre protagonista  arrivando persino ad abbinarla nientemeno che con un piatto di pesce, ovvero deliziose mazzancolle con dadolata di zucca. Alla riuscita della serata ha contribuito anche l’abbinamento di vini pregiati messi a disposizione di una azienda famigliare della Valdobbiadene.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti