Commenta

Scandolara incantata
da Peirani. E il Festival
prosegue a Piadena

peirani_ev

Nella foto Vincent Peirani

SCANDOLARA RAVARA/PIADENA – E l’autunno d’improvviso ha regalato un festival: a chiusura del progetto Akropolis (finanziato da Fondazione Cariplo), un primo evento d’eccezione ha illuminato la serata di martedì a Scandolara Ravara, con il Jazz Concert di Vincent Peirani. Il giovane fisarmonicista, ricercato da tutto il mondo della musica, primo premio del “Concours National de Jazz de la Défense”, “Premio Django Reinhardt” come Miglior musicista jazz francese del 2013 dall’Académie du Jazz, unico fisarmonicista oltre al grande Galliano ad avere guadagnato tale onorificenza, ha incantato la platea della Sala Polivalente. Nominato “Artista dell’anno” dalla rivista jazz francese “Jazzman/Jazz magazine”, ha proposto al pubblico in sala un’esperienza senza frontiere, accattivante e piena di sorprese.

Il festival Improvvisi d’Autunno, comunque, proseguirà sabato 20 dicembre alle ore 21 a Piadena, presso il Teatro Parrocchiale, con Giancarlo Bloise e il suo “Cucinarramingo”, vincitore del Premio Tuttoteatro alle arti Sceniche Dante Cappelletti 2012. Ritmo della narrazione e l’amore per le arti della cucina, la precisione della preparazione gastronomica unita all’esotismo della favola. Disquisisce su cibi e bevande degli dei, cuocendo manicaretti su fornelli che paiono strumenti musicali, una macchina visiva capace anche di odori e di sapori e alla fine si mangia.

Akropolis, il progetto con capofila l’Associazione Terre d’Acqua, è giunto al termine delle attività previste. Realizzate nel 2012 due rassegne importanti (La musica di Terre d’acqua e La Tavola del territorio), che hanno valorizzato luoghi d’identità e cultura e le eccellenze gastronomiche, il progetto celebra il completamento degli interventi sul magnifico patrimonio del nostro territorio (Corte Castiglioni di Marcaria, Villa Medici del Vascello di San Giovanni in Croce, gli “strettini” di Castelponzone). Due eventi, dunque, belli e suggestivi come d’abitudine dell’Associazione. Così li racconta il Presidente Asinari: “Sono felicissimo che l’autunno regali al territorio queste sorprese, con la continuità di qualità e cura che l’animazione culturale merita nei nostri Comuni. Non aggiungo altro: ma gli appassionati del Festival dell’Associazione restino all’erta, perché… abbiamo appena cominciato”. “Un ringraziamento”, chiude il Presidente Asinari “al GAL e al Direttore Artistico Giuseppe Romanetti per il supporto nella realizzazione del progetto”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti