Commenta

La dottrina sociale
della Chiesa entra anche
negli oratorio casalesi

duomo_ev

CASALMAGGIORE – La chiesa, o meglio l’oratorio, nella società civile e politica. L’Oratorio Maffei di Casalmaggiore assieme all’Oratorio di San Leonardo organizzano infatti incontri rivolti soprattutto ai giovani frequentatori dell’istituzione voluta da Don Giovanni Bosco. In realtà, nella locandina, si specifica che il laboratorio di idee è rivolta a giovani e non solo, “che amano discutere di temi attuali, nella cornice della dottrina sociale della chiesa”.

Gli incontri, che hanno ottenuto il patrocinio del comune di Casalmaggiore, dureranno fino a maggio e saranno di fatto uno al mese, presso la Trattoria Trattobene, al prezzo di 15 euro per cena e convegno. Un’iniziativa, che prende il nome “Il Faro”, che rappresenta una novità nel panorama casalese. Il primo incontro, fissato per il 28 novembre, vedrà come relatore proprio il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni. Il tema è “La politica è sporca? Oppure c’è una speranza per i giovani di costruire una società che cresca sulla valorizzazione della famiglia, dell’economia, della libertà e del lavoro?”.

Più che di temi, si tratta di vere e proprie tracce. Il 30 gennaio l’ospite sarà Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio, che parlerà di “papà e mamma non come padroni ma come primi educatori, poiché la famiglia è il nucleo primitivo della comunità e dove fin da piccoli apprendono il giusto equilibrio fra stato e famiglia, intrecciati tra loro nella società giusta”. E ancora il 20 febbraio parlerà Mirco Grasselli per “il lavoro come una delle realizzazioni dell’uomo, per se stesso e per i suoi cari, coi modi e la speranza che covano nel suo cuore. Quanto è vera questa affermazione per un giovane, in un momento di crisi economica?”. Il 13 marzo parlerà Maurizio Caprari: “Si realizza il sogno e il progetto di una famiglia e dei propri figli di fronte alle difficoltà del nostro tempo? La società restituisce alla famiglia ci che la famiglia le dona?”. Il penultimo incontro, previsto il 17 aprile, vedrà come relatore Paolo Emiliani: “E’ sacra la vita di una persona: ci poniamo la stessa domanda, guardando la clinica morte del malato terminale o la mamma che sta per rinunciare alla gravidanza?”. Infine, l’8 maggio, chiuderà la rassegna de “Il Faro”, Pia Sirini: “Un fardello o un’incomparabile spinta alla ricerca reale del bene comune? La testimonianza concreta della donna nella sfida del giorno per giorno, per la speranza di impegno di una giovane di oggi, al passo coi tempi”.

Gli incontri inizieranno tutti alle ore 20: per partecipare e predisporre al meglio la serata è indispensabile iscriversi, almeno con cinque giorni di anticipo, telefonando a don Marco Notarangelo al numero 349-1427837 oppure scrivendo alla mail notarangelo.marco@gmail.com.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti