Commenta

Tamponato da camion
di maiali: parmense
ferito sull’Asolana

tamponamento-asolana_ev

Nella foto i soccorsi

CASALMAGGIORE – Violento tamponamento lungo la strada provinciale Asolana in territorio di Casalmaggiore, all’altezza del semaforo ex Lidl. A restare coinvolto un uomo sulla cinquantina residente a Rivarolo di Torrile, nel parmense, che viaggiava con la sua Citroen Zx in direzione della rotonda Conad.

Poco dopo il semaforo, dopo che l’uomo aveva frenato per rispettare il rosso, la Citroen è stata centrata in pieno da un camion Mercedes adibito al trasporto maiali, anche se fortunatamente vuoto nella circostanza: il tamponamento è avvenuto poco prima delle ore 10, anche se va detto che il traffico non ne ha risentito particolarmente, almeno sull’arteria principale. Qualche problema in più invece per quanto concerne via XX settembre, ossia la strada che si immette, regolata da un semaforo, sull’Asolana. Davanti a questo semaforo secondario, infatti, ha terminato la sua corsa la Citroen, sospinto per almeno 15-20 metri in avanti e completamente distrutta nella parte posteriore, con i finestrini che sono andati in frantumi e il baule che si è accartocciato.

L’uomo a bordo è stato soccorso dagli uomini della Padana Soccorso: prima è stato immobilizzato e posizionato su una barella, poi condotto in ospedale per le opportune visite. L’uomo di Torrile è arrivato al nosocomio Oglio Po in codice giallo, a indicare ferite di media gravità, ma è sempre rimasto cosciente, per quando un po’ choccato dall’accaduto. Ha comunque risposto alle domande degli infermieri e ha ringraziato anche alcuni cittadini che erano accorsi sul posto per dare una mano. Tra questi anche l’autista del camion, un uomo sulla settantina, che resosi conto dell’errore è subito sceso dal mezzo per sincerarsi delle condizioni del ferito. Sul posto anche una pattuglia della Polizia Locale di Casalmaggiore, che ha regolato il traffico, in attesa dell’arrivo del carro attrezzi della ditta Chiari, che ha poi rimosso la Citroen.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti