Commenta

Stalkerizzava la ex
e le incendiò l’auto:
condannato a due anni

tribunale-mantova-ev

BOZZOLO – E’ tornato alla carica per ben tre volti, e in tre comuni diversi, nel giro di appena un paio di anni: con minacce, percosse e “promesse” tutt’altro che amichevoli. Alla fine è stato condannato a due anni di reclusione con rito abbreviato un 54enne di Bozzolo, accusato di maltrattamenti, lesioni e anche di incendio doloso di un’auto, di proprietà della donna con cui aveva convissuto per qualche anno.

La condanna, per la precisione, è avvenuta per stalking e per incendio doloso, separando appunto i due episodi: il primo, infatti, avvenuto nel 2012, portò l’uomo di 54 anni a colpire violentemente la donna dopo una discussione. Già allora l’uomo era stato arrestato, previa denuncia, e allontanato dalla provincia di Mantova. Evidentemente però per l’uomo la violenza domestica non era bastata e quella donna era quasi un’ossessione per lui.

Il 54enne, spostatosi a quel punto a Gussola, in provincia di Cremona a casa della madre, all’inizio del 2013 (in febbraio) arrivò a minacciare e colpire anche la stessa madre, sempre per futili motivi anche se, pare, non legati stavolta alla storia ormai terminata con la ex: un secondo episodio che convinse le autorità giudiziarie a spostare lo stesso in comunità terapeutiche della zona, in particolare modo a Rivarolo del Re. In paese però lavorava la ex del 54enne che, sapendo del particolare, ha iniziato a tempestare di messaggi e chiamate la donna, arrivando addirittura a pedinarle e, fatto ancora più grave, a darle fuoco alla macchina nell’aprile 2014. Quest’ultimo episodio, avvenuto a Bozzolo dove la donna è sempre stata residente, avvenne di notte, come la nostra testata riportò in quel caso: un gesto dimostrativo avvenuto con il favore delle tenebre, che lasciò una enorme macchia di bruciato sull’asfalto, oltre alla devastazione che distrusse l’auto della ex e coinvolse anche un mezzo vicino. Da qui la condanna con rito abbreviato dopo l’udienza preliminare del gup Gilberto Casali, in Tribunale a Mantova.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti