Commenta

“Trame imperfette”
per tessere
una comunità solidale

gruppo-Mia_ev

Nella foto, alcune volontarie dell’Associazione Mia

CASALMAGGIORE – Nuovo percorso promosso dall’Associazione Mia (Movimento Incontro Ascolto) all’interno del progetto Regionale “ARCA delle Donne – Ampliare la rete di contrasto alla violenza sulle donne”. Il via all’iniziativa verrà dato sabato 28. Il percorso è articolato in quattro incontri ed è rivolto alla cittadinanza. “L’idea di fondo – spiegano le referenti dell’Associazione Mia – è di stimolare un senso di cittadinanza attiva per sensibilizzare, formare, coinvolgere i cittadini affinché possano svolgere un ruolo attivo sul territorio, a scuola, nella propria vita rispetto al tema, anche attraverso semplici ma significativi gesti di solidarietà”. L’Associazione MIA ha sempre ribadito come “la radice del problema sia nella cultura, nell’educazione, nel modo di pensare e rappresentare la donna e che quindi per intervenire positivamente sul fenomeno bisogna necessariamente fare prevenzione, sensibilizzazione e promozione culturale a partire dalla comunità che può essere solidale”.

Questi gli elementi di novità introdotti dall’associazione: una metodologia di lavoro prevalentemente interattiva, laboratoriale e partecipata; la promozione di un percorso per cittadini e non per operatori o esperti del settore; il coinvolgimento di realtà nuove per Casalmaggiore come Cooperativa Giolli di Reggio Emilia e Associazione Maschile Plurale, soggetti che hanno maturato esperienza sul tema in questi anni lavorando in rete con istituzioni e associazioni, soggetti che possono portare modalità e contenuti sicuramente interessanti per cominciare ad ampliare lo “sguardo”.

Gli incontri prenderanno il via sabato 28, dalle ore 9 alle 12 presso il Concass di Casalmaggiore. Il primo appuntamento sarà un laboratorio teatrale: “Dentro tanti Piccoli Mentre. Ovvero a Proposito della Dea”, a cura della Cooperativa Giolli di Reggio Emilia, interverranno Massimiliano Filoni e Vanja Buzzini. Il 7 marzo, sempre dalle ore 9 alle 12, “La Violenza di genere: dal percepito al reale”, il processo di costituzione delle Reti. Interverranno Simonetta Donsante (Provincia di Cremona), Rosario Italiano (avvocato coordinatore Centri Antiviolenza Lombardia), Shimena Bosio Martins (ricercatrice presso ‘Save the Children di Londra). Il 14 marzo, dalle ore 9 alle 12, “Aspetti psicologici e ricadute sociali. Quanto costa il silenzio?”. Interverranno Marina Lupi (psicologa e psicoterapeuta), Paola Mantovani (assistente sociale Associazione Mia), Katja Avanzini (direttore Concass). Il 20 marzo, dalle ore 15 alle 18, laboratorio “La violenza sulle donne e le sue radici culturali e sociali. Le diverse prospettive di lavoro con gli uomini”. A cura di Marco Deriu, sociologo dell’Associazione Nazionale Maschile Plurale.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti