Commenta

Manifesti strappati,
Giovanni Cavatorta:
“Facciamo paura”

cavatorta-strappato_ev

Nella foto i manifesti strappati di Cavatorta

VIADANA – La campagna elettorale a Viadana entra nel vivo: ma lo fa nel modo sbagliato. La notizia ha presto fatto il giro di Facebook e c’è chi l’ha commentata come fosse una “stortura” della democrazia: in alcuni punti della frazione viadanese di San Matteo delle Chiaviche dove le affissioni politiche in vista della campagna elettorale sono consentite, infatti, sono stati strappati i manifesti elettorali regolarmente presentati e “timbrati” da Giovanni Cavatorta, candidato sindaco per la lista civica che rientra nell’area politica di Lega Nord, Fratelli d’Italia e Acm.

Un gesto scorretto, anche se ovviamente non è dato sapere se si tratti di uno sgarbo di un possibile avversario politico alle elezioni di maggio, oppure di un “semplice” atto vandalico di chi non è neppure interessato all’agone politico, ma distrugge solo per il gusto di farlo e mettersi in mostra. Fatto sta che i manifesti sono finita a brandelli, suscitando lo sdegno dei sostenitori di Cavatorta e dello stesso candidato sindaco. Il quale però l’ha presa con filosofia e ha rilanciato la sfida: “Facciamo paura”, ha commentato Cavatorta su Facebook postando le foto dello scempio. Come a dire: se qualcuno arriva a strappare i nostri manifesti, è perché effettivamente teme Cavatorta nella corsa alla poltrona di primo cittadino. E così la campagna elettorale si anima, anche se certo non nel modo migliore o più nobile. La politica è, o dovrebbe essere, un’altra cosa, lontana da queste bassezze…

“I gravi atti vandalici e intimidatori ai danni dei nostri manifesti avvenuti a San Matteo” ha commentato Cavatorta, fornendo una sua opinione precisa sui fatti “non possono essere ridimensionati solo come opera di qualche balordo, dato che troppo mirata e chirurgica è stata l’operazione. Questi episodi non ci spaventano certo, anzi ci rafforzano nella nostra determinazione e consapevolezza di essere nel giusto e temibili, rappresentando l’unica alternativa credibile e competitiva al gruppo di potere esistito fin qui a Viadana che sta cercando di riciclarsi”.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti