Commenta

Consiglio casalese,
si dimette Matteo Rossi
Pronto Fabio Chiesa?

rossi-listone_ev

Nella foto Matteo Rossi durante la presentazione della candidatura a sindaco

CASALMAGGIORE – Dopo Claudio Silla, il consiglio comunale di Casalmaggiore perde un altro esponente che ha ricoperto, durante la campagna elettorale, il ruolo di candidato sindaco. In questo caso parliamo di Matteo Rossi, già assessore al Bilancio sotto la giunta Toscani dal 2004 al 2009 e poi consigliere comunale di minoranza nelle fila del Listone dal 2009 al 2015, fino alle dimissioni depositate per lasciare spazio ai giovani e permettere la rotazione dei consiglieri, come da scelta già nota, venerdì mattina.

Una notizia che apre per il prossimo consiglio comunale di lunedì 30 marzo la prospettiva della surroga, già attuata per Claudio Silla con l’ingresso di Calogero Tascarella: considerando i voti ottenuti alle ultime elezioni, toccherebbe a Enrica Campanini subentrare a Rossi come secondo consigliere del Listone accanto a Carlo Gardani, ma non si esclude la rinuncia di quest’ultima anche per dare modo di proseguire nel processo di ringiovanimento della lista civica, con l’ingresso a quel punto di Fabio Chiesa, rappresentante della frazione di Vicobellignano.

Molto stimato per le sue conoscenze tecniche, derivate dalla professione di commercialista e dai cinque anni di esperienza come assessore, Rossi era stato contattato dallo stesso sindaco Filippo Bongiovanni prima del ballottaggio e subito dopo la vittoria, perché potesse entrare a fare parte della giunta come assessore esterno, sempre nel settore Bilancio, ma aveva rinunciato per restare vicino alla mission del Listone. Non a caso proprio sui punti all’ordine del giorno relativi all’economia delle casse comunali e ai vari piani pluriennali di investimento, Rossi era sempre stato interpellato e chiamato in causa, dimostrando una profonda conoscenza della materia. La decisione di lasciare, almeno per il momento, il palazzo comunale di Casalmaggiore è giunta nella mattinata di venerdì con un atto protocollato in comune.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti