Commenta

Il Listone ringiovanisce
Alessandro Rosa è
il nuovo presidente

rosa-listone_ev

Nella foto Alessandro Rosa

CASALMAGGIORE – Il Listone, forza civica giunta al terzo posto alle ultime elezioni comunali di Casalmaggiore, ringiovanisce e lo fa rinnovando quasi completamente il suo consiglio direttivo: una decisione presa nella serata di mercoledì dopo una riunione a Vicomoscano presso Casa Lana, da anni quartier generale della civica.

All’unanimità dei presenti è stato infatti eletto il nuovo presidente, che sarà un giovane di 22 anni, Alessandro Rosa, che avrà un ruolo di rappresentanza operativa ed esecutiva interna e verso terzi. Lo stesso, in lista alle ultime elezioni come candidato consigliere per la frazione di Quattrocase, accoglie con entusiasmo la sfida: “Sono contento di questa scelta, che mi onora, anche perché in questo modo il Listone ha dimostrato di mantenere la parola data durante la campagna elettorale” commenta Rosa “dato che da subito si era parlato dell’esigenza di un ricambio generazionale e della volontà di avvicinare i giovani alla politica. Questa mi sembra la risposta migliore. E’ chiaro che continueremo nel segno della continuità, sul solco tracciando da chi è venuto prima di noi e saremo pronti ad ascoltare, anzi a chiedere, consigli ai cosiddetti “vecchi”, che con la loro esperienza ci hanno affidato questo incarico. Non è banale che il ruolo di presidente sia andato al sottoscritto, che è anche rappresentante di frazione, a conferma dell’importanza che anche i piccoli centri di Casalmaggiore rivestono”.

Accanto a Rosa, ecco le altre cariche: il nuovo segretario, con ruolo di supporto amministrazione al presidente e con funzioni di segreteria, sarà Gabriel Fomiatti, mentre il nuovo tesoriere sarà Giovanni Vitolo. I consiglieri, che avranno diritto di voto all’interno del consiglio direttivo, saranno Roberta Assandri, Davide Beranti, Fabio Chiesa e Giuseppe Boles. Un consiglio che per la quasi totalità è dunque under 40 (e per oltre la metà under 30), proprio in nome del rinnovamento auspicato. Il predetto consiglio direttivo, come da statuto, resterà in carica per tre anni, rinnovabili dall’assemblea per altri tre anni; le riunioni del consiglio avverranno con cadenza mensile e in caso di urgenze anche bisettimanali e/o settimanali.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti