Commenta

Furto al Panda,
lei distrae il commesso
l’altra ruba fondo cassa

panda-furto_ev

Nella foto l’ingresso del Panda

CASALMAGGIORE – Furto con destrezza venerdì sera al Panda di Casalmaggiore. Con una modalità per certi versi singolare, dalla cassa del noto magazzino gestito da cinesi nella zona del Centro Commerciale Padano, sono spariti ben 2500 euro. Secondo quanto si è appreso due donne si sono addentrate nella grande esposizione dove si può trovare di tutto – dai vestiti, ai casalinghi, alla bigiotteria ai cosmetici e mille altri articoli esposti nelle varie corsie della rivendita -, dopo di che una delle due clienti ad un certo punto ha chiamato un addetto alla vendita chiedendo di farle vedere dove si trovava un determinato prodotto.

Il pretesto è servito alla complice per avvicinarsi alla cassa e, una volta aperta, mettere le mani sul cospicuo bottino. Come abbia fatto ad aprire il cassetto in maniera così veloce e soprattutto senza destare sospetti, rimane un mistero. Qualcuno sostiene che la sconosciuta potesse essere in possesso delle chiavi in quanto il registratore fiscale non appariva neppure forzato. Da qui la sensazione che sia stato possibile aprirlo in maniera semplice, mettendo le mani su un bottino consistente: la donna ha trovato appunto ben 2500 euro. Ai gestori del Panda, ovviamente contrariati, non è rimasto altro da fare che chiamare i Carabinieri di Casalmaggiore ai quali hanno raccontato l’episodio fornendo una descrizione sommaria delle due abili e velocissime truffatrici.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti