Commenta

Noi di Bozzolo replica
a Torchio: “Basta allarmi
L’ospedale funziona”

resta-bozzolo-lista-ev

Nella foto il gruppo “Noi di Bozzolo”

BOZZOLO – In merito alle dichiarazioni apparse sulla stampa rispetto alla paventata chiusura del Laboratorio analisi di Bozzolo, interviene il gruppo consiliare di minoranza “Noi di Bozzolo”, attaccando duramente il primo cittadino: “Si tratta” spiegano i consiglieri “dell’ennesimo allarmismo che Torchio e i suoi fanno per giustificare in qualche modo lo stipendio a fine mese. Il laboratorio di Bozzolo non subisce alcun cambiamento per l’utenza. I prelievi verranno come sempre effettuati presso la struttura dell’Ospedale di Bozzolo. Inoltre, viene mantenuto il laboratorio analisi per le urgenze ed emergenze del Presidio ospedaliero con un tecnico reperibile 24 ore su 24″.

Va detto a onor del vero che nella serata di sabato lo stesso Torchio si era corretto, precisando che in effetti per ora il punto prelievi viene mantenuto, anche se lo stesso sindaco lo definisce un “servizio minimale, per far fronte al bacino di utenza che giornalmente si riversa presso la struttura”. Tornando al comunicato della minoranza. “Per l’utente” rassicurano i consiglieri “non ci saranno disagi di alcun tipo, come del resto per non ve ne saranno nella gestione clinica dei pazienti ricoverati presso la struttura in quanto permane, come da sempre, la reperibilità di un tecnico a copertura delle 24 ore. Torchio parla di disservizi, quando in verità si tratta di una razionalizzazione del servizio operata dalla Azienda Sanitaria. Nell’epoca dell’informatizzazione la comunicazione clinica avviene per via telematica anche tra aziende distanti decine, centinaia e anche migliaia di km, con grande beneficio del paziente ricoverato o dell’utente del servizio sanitario”.

In chiusura un ultimo attacco, che coinvolge anche il Partito Democratico, perché i tagli, spiegano dalla minoranza, partono dal Governo centrale, dunque da Renzi. “Spiace che chi è seduto sullo scranno comunale non capisca questi due concetti fondamentali: il primo, che il progresso informatico annulla le distanze; il secondo, che se il Governo centrale effettua tagli lineari sulle Regioni virtuose e di conseguenza su quei cittadini che pagano regolarmente le tasse, le Regioni stesse e le Aziende sul territorio devono razionalizzare i servizi per impedire i tagli che, al contrario, sarebbero inevitabili. Pertanto, oltre a suggerire un approfondimento delle tematiche che intendono trattare e a non fermarsi alle chiacchiere del corridoio, invitiamo Torchio e il Segretario Pd a dirigersi verso Mantova domenica 19 sicché, oltre ad applaudire per timore reverenziale il parolaio segretario del loro partito, magari lo convincano anche a restituire il miliardo e 200 milioni di euro che ha sottratto ai cittadini lombardi: sanno quanti laboratori analisi potremmo fare con quel denaro indebitamente sottrattoci?”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti