Commenta

Con Novara
è sfida tra
sacro e profano

suora-saporiti-novara-agil-ev

Nella foto, suor Giovanna Saporiti

CASALMAGGIORE – Avranno bisogno di un santo in Paradiso le ragazze della Pomì per superare la prova di stasera. Non è un’espressione dettata da sfiducia o senso di inferiorità rispetto alle avversarie. Semplicemente la consapevolezza di affrontare una squadra sapendo che sotto l’etichetta Igor Gorgonzola Novara c’è l’Agil Trecate nata per volere di un gruppo di suore dell’ordine delle Ministre della Carità di San Vincenzo de’ Paoli. Ed è colei che fondò il club nel 1983, suor Giovanna Saporiti, a ricoprire ancora oggi il ruolo di presidente della squadra. L’obiettivo della religiosa era quello di formare un gruppo che si ispirasse a sani principi morali attraverso una disciplina sportiva  corretta  mettendo nella sigla del club le iniziali di Amicizia, Gioia, Impegno e Lealtà per formare appunto il nome Agil. Con quel viatico la Società passo dopo passo  è riuscita ad arrivare in A 1 nel 2001. Seguirono alti e bassi, come in tutti i gruppi, sino a rischiare di scomparire nel 2012, anche per cambi al vertice succedutisi.

Ma ancora una volta la provvidenza c’ha messo una pezza grazie al rientro di Suor Giò (così è chiamata famigliarmente) che con la sua vice Monica Loro e le altre sorelle Barbara Bertoni e Lorena Garau che nel frattempo avevano tenuto ben viva la Agil, hanno accettato l’affiancamento di personaggi con i soldi riuscendo a rilevare un titolo di A2 arrivando subito a conquistare la promozione. Adesso, al secondo anno tra le big, lo scudetto è ancora alla portata di mano come lo era già stato nel 2002, 2003, 2004 e 2009 nelle finali tutte perse contro Bergamo (due volte), Perugia e Pesaro. Vedremo stasera se la serie negativa per loro si ripeterà, o meglio ancora se le ragazze della Pomì hanno già compiuto l’immersione propiziatrice nella vasca del Santuario della Madonna della Fontana di Casalmaggiore. Come dire, monache contro frati, sorelle contro fratelli. Una bella sfida, senza voler peccare di blasfemia.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti