Commenta

Intrecci di vita
per la Festa del
Volontariato 2015

festa-volontariato-ev

Nella foto, in piedi Vezzoni e Ferrari, seduti Reali e don Pisani

RIVAROLO DEL RE – Intrecci di vita. Questo il tema della Festa del Volontariato casalasco 2015 che si terrà a Rivarolo del Re nel prossimo fine settimana e che è stata presentata lunedì mattina in Municipio. Presenti il sindaco di Rivarolo Marco Vezzoni, il parroco don Luigi Pisani, il presidente Cisvol Giorgio Reali e Sara Ferrari, della Delegazione Casalasca di Cisvol. Vezzoni ha spiegato perché sia il suo Comune ad ospitare la nuova edizione della kermesse. «Abbiamo chiesto a Cisvol di ospitare la festa perché per noi questo è un anno importante. Sarà un ulteriore arricchimento delle celebrazioni del Centenario del Comune, perché ne promuove i contenuti di partecipazione a ci consentirà di animare il paese. Il programma è ricco e noi contraccambiamo con un’iniziativa parallela e importante: la visita alle ville domenica 17 grazie alla disponibilità dei proprietari». La visita (ai giardini) avverrà in 5 turni (10, 11,30, 14,30, 16 e 17,30), ognuno dei quali aperto a 150 persone (25 a rotazione per ogni villa e chiesa, grazie alla presenza di 6 guide). Le prenotazioni arrivate sono già ben 700, quindi c’è spazio ancora per una cinquantina di visitatori.

La festa troverà ospitalità all’interno dell’oratorio, ampio e da poco ristrutturato, come ha annunciato don Pisani: «Anche le parrocchie vivono di volontariato, anzi sono scuole di volontariato. Oggi il tempo è bene prezioso, e chi lo dona per gli altri fa una gran cosa. Sono contento di poter ospitare questo evento, il volontariato è essenziale per il progresso del mondo. Inoltre sabato 16 alle ore 17 ci saranno le cresime, con la presenza del vescovo Dante Lafranconi (sarà una delle ultime uscite prima del pensionamento) il quale benedirà anche gli stand verso le ore 19».

«Come presidente del Centro Servizi ho partecipato a diversi step, e spero che la prossima candidatura esca nel corso di questa festa. Rivarolo ha risposto con entusiasmo, e il programma è interessante e variegato. Questa non è una fiera, è una proposta innovativa, interessante ed etica. Non mettiamo limiti alla possibilità di tutti di partecipare; tutte queste diversità sono capaci di costruire relazione sociale, ed oggi viviamo un periodo di impoverimento di relazioni sociali. Fare insieme significa mettere in campo ognuno le proprie competenze, così il Comune per le visite alle ville. Per questo sarà una festa della comunità».

«Il tema dell’edizione 2015 – ha aggiunto Sara Ferrari – è “Intrecci di vita”, dopo che nel 2013 a Gussola fu “Come erbe essenziali”. L’obiettivo è come sempre lanciare un messaggio e dare un valore etico alla festa. Non organizziamo un “evento”, vogliamo “fare insieme” (da qui l’idea dell’intreccio) e passare da “fare per” a “fare con”. L’intero ricavato sarà devoluto a progettazioni casalasche fatte da associazioni giovanili per i giovani. Abbiamo coinvolto le giovani generazioni con la presenza delle scuole: lo stesso logo è nato da un gruppo di lavoro che ha coinvolto gli studenti del Polo Romani di Casalmaggiore. Abbiamo tante adesioni, grandi numeri. Gli errori ci saranno e spero nella tolleranza, d’altra parte, ripeto, noi non organizziamo eventi. Alla festa ha creduto tanto anche il territorio, spero che le associazioni possano inviare il loro messaggio ed avere un “ritorno”». Alcuni accenni poi alle tante iniziative: «La domenica il pranzo si avvarrà di un grande chef: l’Executive Chef Regina Hotel Baglioni di Roma Luciano Sarzi Sartori (originario di Brugnolo, ndr), che sarà anche lui al fianco dei volontari, al servizio delle associazioni. Tra le tante associazioni presenti, i gruppi di protezione civile parteciperanno assieme come area CR3, e garantiranno il servizio alla festa così come la Padana Soccorso e due realtà forti come la Santa Federici e la Fondazione Germani, che garantiranno la presenza all’info point, il servizio ai tavoli e altro».

Le associazioni che hanno aderito sono davvero tantissime, e crescono giorno per giorno. Sul blog della festa, nella sezione “eventi speciali” sono indicate le tante iniziative predisposte dalle singole associazioni. Il programma ufficiale si aprirà venerdì 15 maggio alle 19,30 con la sfilata del gruppo storico “Il Torrione” di Casalmaggiore. Dopo il saluto delle autorità e la proiezione del video “Intrecci di giovani idee” a cura di Popolis, alle 21,30 l’Associazione Famiglie di Santo Stefano proporrà il Musical “Il mago di Oz”. Dalle 22,30 Dj Fede. Dalle ore 20 cucina, bar, stands e mostre e spazio giochi.

Sabato 16 alle ore 10,30 si terrà un seminario sulla “Riforma del Terzo Settore: cosa cambia per il no-profit”. Interverranno l’onorevole Edo Patriarca (firmatario del progetto di legge di riforma e presidente del Centro Nazionale per il Volontariato) e il presidente regionale coordinamento Cisvol Giorgio Gotti. Presiederà il portavoce del Forum del Terzo Settore Casalasco Giovanni Vacchelli. Dalle 12,30 bar-cucina, alle 15 partita di calcio organizzata dall’Associazione La Tenda di Cristo. In serata, alle 19,30 concerto del coro Joy Voices diretto dal Maestro Abele Zani, dalle 20 riapertura del bar-cucina, alle 20,30 intrattenimento musicale della “Banda nella scuola” (l’Estudiantina diretta dal Maestro Daniele Marasi). Alle 21,30 sfilata di moda “Abitiamoci-L’accessorio giusto per l’abito che ritorna” (a cura della Coop. Sociale Nonsolonoi e dell’associazione A.MI.S.), e alle 22,30 concerto della cover band “Fuori tempo”.

Domenica 17 il giorno clou. Dalle 10 stands e mostre, spazio giochi e tiro con l’arco, ed inizieranno le citate visite alle Ville storiche, oltre alla Chiesa di San Zeno e alla Chiesa di San Lorenzo. Alla stessa ora Motogiro dell’Ecomuseo delle valli Oglio Chiese di Isola Dovarese, a cura del Moto Club A. Bergamonti. Alle 10,30 staffetta 2×5 km a cura dell’Asd Rivarolo del Re e Gruppi di Cammino a cura della Padana Soccorso e del Centro Sociale Primavera. Alle 11 tavola rotonda su “Legalità e giustizia riparativa” a cura di Libera onlus e Arci Bassa, alle 11,30 aperitivo “In giallo” con l’associazione Casalbellotto Insieme e arrivo di Bicincittà organizzzato dalla Pro Loco di Casalmaggiore. Alle 12,30 il “pranzo dello chef” coordinato da Luciano Sarzi Sartori, e nel pomeriggio alle 15 incontro informativo su “Alimentazione  e movimento-alleati per la salute con Padana Soccorso e Centro Primavera. Alle 16 tavola rotonda “Il cibo come diritto dell’uomo (Amnesty International Gruppo 288 Cremona), alle 17 esibizione di Zumba (Associazione Amici della Santa Federici), alle 18 intervento simulato di Pronto Soccorso (Padana Soccorso) e alle 19 il saluto delle associazioni. La festa si chiuderà alle 21 con una tombola, a cura dell’associazione La Rondine e del Coordinamento Popolare di Gussola.

Vanni Raineri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti