Commenta

Bozzolo: si stende
sui binari, passanti
e Carabinieri la salvano

binario-ev

BOZZOLO – La solidarietà e un elevato senso d’altruismo ha permesso di salvare  una donna che, in preda ad improvvisa disperazione, si era andata a stendere sui binari della linea ferroviaria Milano Mantova. Il drammatico episodio è avvenuto sabato sera in stazione a Bozzolo. Una donna del posto di 47 anni aveva trascorso il pomeriggio in un bar del paese condividendo la conversazione e anche qualche bicchiere di alcool, assieme a diversi amici e conoscenti. Tutta la compagnia non aveva avuto alcun sentore di quello che sarebbe accaduto poco dopo. Attorno alle 21 di sabato sera alla centrale operativa del 118 è arrivata la segnalazione riguardante una signora che aveva bisogno di soccorso. La 47 enne infatti con una decisione che ha sorpreso tutti si è alzata andando verso la stazione  per sdraiarsi  sui binari decisa a farla finita. Com’è facilmente immaginabile, sono stati momenti di grande tensione e paura perchè  il treno poteva arrivare da un momento all’altro. Alcune persone che si trovavano nei pressi, intuito quello  che  stava per accadere, si sono precipitate verso la donna cercando di convincerla ad alzarsi da quella pericolosissima posizione. In diversi si sono prodigati per alzarla di peso e allontanarla dalle rotaie. Ma la 47enne non ne voleva sapere tirando calci e urlando nei confronti delle persone chiedendo di lasciarla stare. A quel punto  si è reso necessario l’intervento dei Carabinieri e neppure ai militari è stato facile farla desistere. Fortunatamente, con le buone e con le cattive, la donna è stata tolta dai binari in tempo utile prima che accadesse la tragedia. Un gesto disperato questa volta evitato grazie al senso di umanità manifestato da chi si è trovato davanti quella scena impressionante che per fortuna ha avuto alla fine  una svolta positiva. Da segnalare che nel parapiglia un infermiere del 118 ha rimediato un calcio al ginocchio con prognosi di 8 giorni.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti