Commenta

Il mito di Dafne e Apollo
per la 49esima edizione
del Palio di Isola

isola-dovarese-palio-ev

Nella foto, un momento dell’edizione 2015

ISOLA DOVARESE – Il palio più celebre della provincia cremonese, della regione lombarda e dell’intero Nord Italia, si prepara alla sua 49esima edizione. A Isola Dovarese è iniziato il conto alla rovescia che porterà il Comune a rituffarsi nel passato, a quando nella seconda metà del Quattrocento il paesino cremonese apparteneva allo Stato Gonzaghesco. La venuta della corte mantovana in forma di festa su pubblica piazza, in onore dei marchesi Ludovico Gonzaga e Barbara di Brandeburgo, rivivrà dall’11 al 13 settembre, attraverso una rievocazione storica che la Pro Loco sta mettendo a punto. Il programma della 49esima edizione è già a disposizione delle migliaia di visitatori che come ogni anno popoleranno Isola Dovarese nei giorni del palio.

Venerdì 11 alle ore 19 verranno aperte le servitù di passaggio. Alle ore 21, il podestà del borgo, funzionario dei Gonzaga, annuncia l’arrivo dei signori con pubblica lettura e chiama a sè i rappresentanti dei Nobili Dovara e i deputati del Comune di Isola Dovarese, per annunciare loro l’inizio delle feste e domandare piena disponibilità ai preparativi. Con questo atto prende vita la festa pubblica che dura tre giorni, da venerdì sera a domenica notte, con apertura delle taverne e convivio su piazza. La grande piazza gonzaghesca è così allestita con tribune e palco e animata da musici con strumenti d’epoca. Essa diviene il teatro perfetto dei fasti della corte, rivivendo la volontà scenografica del suo committente: Giulio Cesare Gonzaga, che volle dotare la piazza del borgo di portici tanto imponenti e aggiornati al compiuto stile rinascimentale della fine del Cinquecento.

Nei giorni della festa si susseguono vari eventi, in un’ampia offerta per chi vuole sedersi sulle tribune che ospitano più di tremila persone. Il venerdì dopo la cerimonia di apertura con il podestà la festa si aprirà con l’ingresso delle contrade a cui segue uno spettacolo. Sabato 12 l’apertura sarà anticipata di un’ora: dalle 18 sarà possibile accedere alle contrade e alle piazze e verrà allestita il consueto, sfarzoso e scenografico banchetto rinascimentale per i nobili signori, con pietanze dai ricettari dell’epoca e un grande spettacolo messo in scena dagli artisti isolani con musica dal vivo e giochi di fuoco e pirotecnici: alle ore 21, “Mirabilia Noctis, di Dafne, Apollo et di salvatiche istorie”. Domenica 13, canti, balli e disfide per assegnare assegnare l’agognato Palio di Isola Dovarese. Alle ore 21,30 la grande chiusura con spettacolo e magia dei fuochi d’artificio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti